Accordo di lavoro e progetto IPA 2019-2020 (parzialmente) attuato: misure da ricordare per i datori di lavoro04/07/2019

Una serie di leggi sociali che hanno un impatto sui datori di lavoro sono state approvate nel tratto finale verso la fine della scorsa legislatura. Questo include la legislazione che attua il Summer Jobs Agreement 2018 e il progetto di accordo intersettoriale 2019-2020. Offriamo un riassunto delle misure più importanti: il margine salariale e le misure di accompagnamento dei licenziamenti.

Esecuzione dell’accordo di lavoro e del progetto di IPA 2019-2020

Una serie di leggi di attuazione dell’accordo di lavoro estivo 2018 e del progetto di IPA 2019-2020 è stata approvata poco prima delle elezioni legislative. Questo include la seguente legislazione:

  • la legge sulle disposizioni sociali del 7 aprile 2019 (MB 19 aprile 2019) (“legge sull’accordo di lavoro”);
  • un disegno di legge di attuazione dell’accordo intersettoriale 2019-2020, approvato dalla Camera il 25 aprile 2019 (“disegno di legge AIP”);
  • un decreto reale del 19 aprile 2019 che attua l’articolo 7, §1 della legge del 26 luglio 1996 sulla promozione dell’occupazione e la salvaguardia preventiva della competitività (MB 24 aprile 2019) (“AR Norme Salariali”);
  • 14 (!) CLA conclusi nell’ambito del Consiglio Nazionale del Lavoro (“NLC”) riguardanti i regimi di disoccupazione con integrazione aziendale; e
  • CLC n. 129 conclusi nell’ambito del NLC riguardanti gli straordinari volontari (vedi Eubelius Spotlights giugno 2019).

Margine salariale massimo

Non potendo le parti sociali concludere un accordo interprofessionale, il margine massimo di evoluzione dei costi salariali è stato fissato dallo standard salariale AR. È l’1,1% per il periodo 2019-2020. Si tratta di un margine al di sopra dell’indicizzazione automatica dei salari e di eventuali aumenti di scala. Di conseguenza, i datori di lavoro potranno aumentare i loro costi salariali di un massimo dell’1,1%. Va notato che il margine effettivamente disponibile per il singolo datore di lavoro può essere ridotto dal fatto che è stato compilato a livello settoriale. Si raccomanda quindi ai datori di lavoro di attendere eventuali iniziative all’interno della/e commissione/i congiunta/e competente/i. L’uso del margine non è obbligatorio, ma facoltativo.

Misure di accompagnamento ai licenziamenti
Misure per aumentare l’occupabilità

La legge sullo “status unico” mirava a obbligare i settori a concludere, al più tardi il 1° gennaio 2019, dei CLA che stabilissero che il lavoratore, il cui contratto di lavoro viene risolto dal datore di lavoro con un periodo di preavviso o un’indennità sostitutiva del preavviso di almeno 30 settimane, ha diritto a un pacchetto di misure che consiste per un terzo in misure che aumentano l’occupabilità del lavoratore interessato sul mercato del lavoro (vedi Eubelius Spotlights dicembre 2018 e Eubelius Spotlights marzo 2019).

Non essendo stato concluso alcun CLA settoriale, la legge è rimasta lettera morta. A questo proposito, il progetto di AIP mirava a elaborare uno schema interprofessionale alternativo entro il 30 settembre 2019. Il disegno di legge AIP ha assunto questa data del 30 settembre 2019. Tuttavia, il Re avrà il potere di posticipare questa data, senza poter andare oltre il 1° gennaio 2021.

Budget di formazione

La legge sui contratti di lavoro prevede che il lavoratore, che è stato licenziato con un’indennità compensativa in sostituzione del preavviso, potrà in futuro destinare un massimo di un terzo di questa indennità a scopi di formazione sotto forma di un budget di formazione. Il dipendente avrà 60 mesi dalla fine del contratto di lavoro per spendere questo budget. I dettagli devono ancora essere determinati da un decreto reale.

La parte dell’indennità di preavviso pagata sotto forma di budget di formazione sarà esente da contributi personali. D’altra parte, un contributo di solidarietà del 25% sarà a carico del datore di lavoro.

In linea di principio, la misura entrerà in vigore il 1° gennaio 2022, a meno che un decreto reale non preveda una data anteriore. La misura esisterà in parallelo con le misure per aumentare l’occupabilità (vedi sopra).

Riclassificazione professionale dopo il licenziamento per cause di forza maggiore

D’ora in poi, un dipendente il cui contratto di lavoro viene risolto perché il datore di lavoro invoca la forza maggiore ha diritto a una riclassificazione professionale di 1.800 euro. Il datore di lavoro è obbligato a fare questa offerta di ricollocamento al lavoratore per iscritto entro 15 giorni dalla fine del contratto di lavoro. L’offerta di riclassificazione professionale deve essere fatta al dipendente che soffre di un problema di salute. Il dipendente ha quattro settimane dalla data dell’offerta per esprimere il suo accordo per iscritto, dopo di che il suo diritto è precluso. Questa misura è entrata in vigore il 29 aprile 2019.

Obbligo di informazione in caso di esonero dalle prestazioni lavorative durante il periodo di preavviso

La legge sul contratto di lavoro impone un nuovo obbligo al datore di lavoro che, dopo aver licenziato un lavoratore con un periodo di preavviso, stipula un accordo con il lavoratore in base al quale il lavoratore viene esonerato dalle prestazioni lavorative. In un tale scenario, il datore di lavoro sarà ora obbligato a notificare per iscritto al lavoratore il suo obbligo di registrarsi presso l’ufficio regionale del lavoro della regione in cui è domiciliato entro un mese dal rilascio delle prestazioni. Questa misura è entrata in vigore il 29 aprile 2019.

Sistemi specifici per la disoccupazione con supplemento aziendale

Il regime generale di disoccupazione con supplemento aziendale prevede un requisito di età di 62 anni. Tuttavia, regimi specifici (con un’età inferiore) e un’esenzione dal requisito di disponibilità del mercato del lavoro adattato possono essere previsti da CLA.

Il 23 aprile 2019, non meno di 14 CLA per estendere alcuni regimi specifici per la disoccupazione con integrazione aziendale (CCS) sono stati firmati nella NTC nel quadro dell’attuazione del progetto di accordo interprofessionale 2019-2020. Abbiamo riassunto questi schemi specifici in forma schematica.

https://www.eubelius.com/sites/default/files/styles/paragraph_image/public/paragraph-images/tabel_spotlights_art_11-fr_0.jpg?itok=1nm8ainq

Vedi anche: Eubelius( Signora Liesbet Vandenplas, Signor Jonas Van Campenhout)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *