Adattamento della Terapia Dialettica del Comportamento agli adolescenti francofoni, un’esperienza pilota con adolescenti con depressione e disturbo borderline di personalità

Sommario

Contesto

La Terapia Dialettica del Comportamento (DBT) è stata sviluppata da Linehan e poi adattata agli adolescenti da Miller (DBT-A). La letteratura attuale sostiene l’uso della DBT per i giovani con comportamenti non suicidi e/o autoaggressivi. Tuttavia, non sono stati pubblicati studi sulla fattibilità e la validità clinica della DBT-A quando viene usata con adolescenti francofoni.

Metodo

Abbiamo seguito un disegno a due fasi: (1) uno studio di fattibilità che esplora le condizioni richieste per l’implementazione della DBT-A in un servizio francese di psichiatria infantile generale e l’impatto di questa implementazione sul funzionamento del team; (2) uno studio valutativo pilota con un disegno pre/post-test di 12 settimane, compresa la valutazione standardizzata dei disturbi mentali, tra cui il disturbo di personalità borderline (BPD), i comportamenti suicidari (SC), i tratti di personalità borderline, così come le competenze mirate nella DBT-A: mindfulness, regolazione delle emozioni e tolleranza allo stress.

Risultati

La maggior parte degli obiettivi di fattibilità sono stati raggiunti. Gli incontri regolari del team hanno permesso la costruzione di una rappresentazione comune delle cure appropriate per il comportamento autolesionista degli adolescenti. Questa rappresentazione ha integrato prospettive psicodinamiche, comportamentali-dialettiche, sistemiche e farmacologiche in un piano di trattamento multimodale. Il collegamento regolare con il professionista di riferimento ha facilitato l’implementazione e il follow-up della DBT-A per ogni partecipante. Lo studio valutativo pre/post-test ha incluso sei ragazze adolescenti (età media 14,5) con disturbo depressivo maggiore (MDD) e BPD con almeno due tentativi di suicidio prima dell’ammissione alla DBT-A. Durante le 12 settimane di DBT-A, è stato riportato un tentativo di suicidio (SA) per una ragazza adolescente. A 1 anno di follow-up, la SA è stata riportata per 2/6 adolescenti. I tratti del BPD sono diminuiti significativamente durante le 12 settimane di DBT-A per tutti i partecipanti (p<0.05). Per quanto riguarda le abilità mirate dalla DBT-A, un miglioramento significativo è stato osservato nella regolazione delle emozioni (p<0.05).

Conclusione

In un quadro terapeutico integrativo, è possibile implementare un programma DBT-A con adolescenti che consultano un servizio francese di psichiatria infantile. Visti i nostri risultati, sembra clinicamente rilevante proporre la DBT-A alle ragazze adolescenti che soffrono di MDD e BPD e richiedere il consenso preventivo dei loro genitori.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Abstract

Background

La terapia dialettica comportamentale (DBT) è stata sviluppata da Linehan e ulteriormente adattata agli adolescenti da Miller (DBT-A). La letteratura attuale sostiene l’efficacia della DBT per i giovani con comportamenti suicidi/auto-lesionistici. Tuttavia, nessuno studio è stato pubblicato sulla fattibilità e la validità clinica della DBT-A quando viene usata con adolescenti francofoni.

Metodo

Abbiamo seguito un piano in due fasi: (1) uno studio di fattibilità che esplora i requisiti per implementare la DBT-A nei servizi francesi di psichiatria infantile & adolescenziale e l’impatto della DBT-A sul funzionamento del team; (2) uno studio pilota di valutazione con un disegno pre/post di 12 settimane che include la valutazione standardizzata dei disturbi mentali che comprendono il disturbo di personalità borderline (BPD), i comportamenti suicidari (SB), la fenomenologia borderline così come le abilità allenate dalla DBT: mindfulness, regolazione delle emozioni e tolleranza all’angoscia.

Risultati

La maggior parte degli obiettivi di fattibilità sono stati raggiunti. Gli incontri regolari del team hanno aiutato a costruire una visione comune sul piano di trattamento multimodale appropriato per gli autolesionisti, integrando prospettive psicodinamiche, dialettico-comportamentali, sistemiche e farmacologiche. Un collegamento efficiente con il medico di riferimento ha facilitato l’implementazione e il monitoraggio della DBT-A per ogni partecipante. Lo studio pre/post-test ha incluso sei adolescenti donne (età media: 14,5) con disturbo depressivo maggiore (MDD) e BPD che hanno commesso almeno due tentativi di suicidio prima dell’ammissione nella DBT-A. Durante le 12 settimane di post-test, un tentativo di suicidio (SA) è stato riportato per un’adolescente. A 1 anno di follow-up, il SB è stato riportato per 2/6 adolescenti. I sintomi borderline sono diminuiti significativamente durante le 12 settimane del programma DBT-A (P<0.05). Per quanto riguarda le abilità allenate dalla DBT, un miglioramento significativo è stato osservato nella regolazione delle emozioni (P<0.05).

Conclusione

In un quadro di terapia integrata, l’attuazione della DBT-A nei servizi francesi di psichiatria infantile e adolescenziale è fattibile. Visti i nostri risultati, vale la pena prendere in considerazione la DBT-A per le adolescenti donne con MDD e BPD.

Il testo completo di questo articolo è disponibile in PDF.

Mots clés : Adolescente, Suicidio, Problema depressivo, Problema di personalità borderline, Thérapie comportementale dialectique, Étude de faisabilité

Keywords : Adolescente, Suicidio, Disturbo depressivo, Disturbo di personalità borderline, Terapia comportamentale dialettica, Studio di fattibilità

Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *