Akon (Italiano)

A Dakar, Mor Thiam è un rinomato musicista jazz, percussionista, che insegna a suo figlio Aliaune, nato il 30 aprile 1973, i rudimenti di ogni strumento che gli passa per le mani.
Tra i sette e i 15 anni, l’adolescente viaggia spesso avanti e indietro tra il Senegal e il New Jersey, dove alla fine si stabilisce definitivamente. In questo “grande sobborgo di New York”, ha vissuto a Jersey City, e si è innamorato dell’hip-hop contemporaneamente alla vita frenetica della strada.
A 15 anni, ha pubblicato il suo primo singolo autoprodotto, “Operations of Nature”, e si è concentrato sul suo studio casalingo, dove ha presto creato alcuni brani che potrebbero attirare l’attenzione di una grande compagnia. Questo fu anche il periodo in cui, secondo la sua leggenda, fu condannato a tre anni di prigione per furto d’auto, possesso di armi e cose del genere. Questa esperienza lo portò a riflettere sul suo destino e a concentrarsi sulla sua musica, tra cui “Locked Up”, che sarebbe stato il suo primo successo. Più tardi, un sito specializzato in indagini di questo tipo rivelerà che in realtà, la pena non era così lunga e le accuse un po’ esagerate, ma non importa, la redenzione attraverso il rap è in arrivo, come un nuovo episodio del famoso Grande Sogno Americano! Nel giugno 2004, Akon pubblica Trouble, su etichetta Universal. Il suo connubio tra i beat dell’hip hop urbano e il sapore africano gli aprì le porte del successo: “Locked Up” entrò nella top ten, e anche i singoli successivi, “Belly Dancer” e “Ghetto”, ebbero una carriera.
Questo successo nelle classifiche, unito alla personalità di Akon e al suo know-how come produttore, gli permise di trovare partner di alto livello per la sua seconda fatica. Konvicted è stato pubblicato nel novembre 2006, e sarebbe diventato uno degli album di definizione del periodo. “Smack That”, il primo singolo, un duetto con Eminem, ha raggiunto il numero 2 per cinque settimane. Ha aperto la strada ad un altro duetto, “I Wanna Love You”, con Snoop Dogg, che ha raggiunto il primo posto, così come “Don’t Matter”. L’album è diventato disco di platino negli Stati Uniti in poco più di un mese, e ha finito per vendere più di tre milioni di copie a livello locale e quattro milioni in tutto il mondo. È andato in tour con Gwen Stefani e Rihanna, rafforzando il suo fascino pop con questi due artisti da classifica. Akon è diventato un punto fermo della scena musicale urbana, producendo e collaborando con Gwen Stefani (“The Sweet Escape”), Chamillionaire, T.I., 50 Cent, e persino Michael Jackson, per il quale ha prodotto una nuova versione di “Wanna Be Startin’ Something” sull’edizione del 25° anniversario di Thriller! Come degno artista del 21° secolo, è stato veloce a diversificarsi: reality TV, film, linea di abbigliamento, etichetta discografica, Akon tocca tutto, navigando su una popolarità enorme. Naturalmente, questa fama ha i suoi lati negativi: è sospettato di poligamia, accusato di aver fatto sesso con una minorenne (ammesso per negligenza in un club vietato ai minori di 21 anni), e poi di aver molestato un membro del pubblico che stava facendo scalpore durante uno dei suoi concerti, mentre le voci sulla “fabbricazione” del suo passato di teppista frusciano su Internet.
Niente che possa impedirgli di finalizzare il suo terzo album, Freedom, previsto per dicembre 2008, e annunciato da due singoli, “Right Now (Na Na Na)” e “I’m So Paid” con Lil Wayne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *