Amendement Platt de 1901 (Italiano)

Perché il Congresso degli Stati Uniti d’America, con una legge approvata il 2 marzo 1901, ha disposto quanto segue:
Prevede inoltre che, in adempimento della dichiarazione contenuta nella risoluzione comune approvata il venti aprile millenovecentonovantotto, intitolata “Per il riconoscimento dell’indipendenza del popolo di Cuba, esigendo che il governo di Spagna rinunci alla sua autorità e al suo governo nell’isola di Cuba, e ritiri le sue forze terrestri e navali da Cuba e dalle acque cubane, e dando ordine al Presidente degli Stati Uniti di utilizzare le forze terrestri e navali degli Stati Uniti per mettere in atto queste risoluzioni”, il Presidente è autorizzato a “lasciare il governo e il controllo dell’isola di Cuba al suo popolo” non appena un governo sarà stato stabilito in detta isola sotto una costituzione che, o come parte di essa o in un’ordinanza allegata, definirà le future relazioni degli Stati Uniti con Cuba, sostanzialmente come segue:

Articolo 1

Il governo di Cuba non stipulerà mai alcun trattato o altro accordo con una o più potenze straniere che comprometta o tenda a compromettere l’indipendenza di Cuba, né in alcun modo autorizzerà o permetterà a una o più potenze straniere di ottenere, mediante colonizzazione o per scopi militari o navali o altro, l’alloggio o il controllo su qualsiasi parte di detta isola.
Articolo 2

Che detto governo non assumerà o contrarrà alcun debito pubblico, per il cui pagamento degli interessi, e per il cui pagamento finale, le entrate ordinarie dell’isola, dopo aver sostenuto le spese correnti del governo, saranno inadeguate.
Articolo 3

Che il governo di Cuba acconsente che gli Stati Uniti possano esercitare il diritto di intervenire per la preservazione dell’indipendenza cubana, per il mantenimento di un governo adeguato alla protezione della vita, della proprietà e della libertà individuale, e per l’adempimento degli obblighi nei confronti di Cuba imposti dal trattato di Parigi agli Stati Uniti, che ora il governo di Cuba si assume e si impegna.

Articolo 4

Che tutti gli Atti degli Stati Uniti a Cuba durante la loro occupazione militare sono ratificati e convalidati, e che tutti i diritti legittimi acquisiti in base ad essi saranno mantenuti e protetti.

Articolo 5

Che il governo di Cuba eseguirà, e per quanto necessario estenderà, i piani già concepiti o altri piani da concordare, per il risanamento delle città dell’isola, al fine di prevenire il ripetersi di malattie epidemiche e infettive, assicurando così protezione alla popolazione e al commercio di Cuba, così come al commercio dei porti del sud degli Stati Uniti e alla gente che vi risiede.

Articolo 6
Che l’Isola dei Pini sia omessa dai confini costituzionali proposti per Cuba, e che il suo titolo sia lasciato alla futura regolazione per trattato.

Articolo 7

Che per permettere agli Stati Uniti di mantenere l’indipendenza di Cuba, e per proteggere il suo popolo, così come per la sua propria difesa, il governo di Cuba venderà o affitterà agli Stati Uniti le terre necessarie per le stazioni navali o di coaling in alcuni punti specifici da concordare con il presidente degli Stati Uniti.
Articolo 8

Che a titolo di ulteriore garanzia il governo di Cuba incorporerà le precedenti disposizioni in un trattato permanente con gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *