ANNIVERSARIO50 anni fa, Martin Luther King fu assassinato a Memphis


Il 29 marzo 1966, al Palais des Sports di Parigi, Martin Luther King si rivolse agli attivisti del Movimento della Pace. Passerà alla storia per la sua lotta pacifica per i diritti dei neri negli Stati Uniti. Foto AFP'adresse aux militants du Mouvement pour la Paix. Il restera dans l'Histoire pour son combat pacifique en faveur des droits des Noirs aux États-Unis. Photo AFP
Il 29 marzo 1966 al Palais des Sports di Parigi, Martin Luther King si rivolge agli attivisti del Movimento per la Pace. Passerà alla storia per la sua lotta pacifica per i diritti dei neri negli Stati Uniti. Foto AFP
01 / 08
La più grande dimostrazione di libertà nella storia degli USA. Queste furono le parole pronunciate da Martin Luther King per descrivere la marcia su Washington del 28 agosto 1963 ai suoi sostenitori. Foto AFP'histoire des États-Unis." Ce sont les mots prononcés par Martin Luther King pour décrire la marche du 28 août 1963 à Washington devant ses partisans. Photo AFP
“La più grande dimostrazione di libertà nella storia americana”. Queste furono le parole pronunciate da Martin Luther King per descrivere la marcia su Washington del 28 agosto 1963 davanti ai suoi sostenitori. Foto AFP
02 / 08
Di fronte a migliaia di persone, Martin Luther King pronuncia la famosa frase "I have a dream". Foto AFP"I have a dream". Photo AFP
Di fronte a migliaia di persone, Martin Luther King pronuncia la famosa frase “I have a dream”. Foto AFP
03 / 08
Il 16 marzo 1967, Martin Luther King partecipa a una manifestazione contro la guerra del Vietnam a New York. Foto AFP
Il 16 marzo 1967, Martin Luther King partecipa a una manifestazione contro la guerra del Vietnam a New York. Foto AFP
04 / 08
Martin Luther King e sua moglie Coretta Scott King posano per una foto dopo il loro matrimonio del 18 giugno 1953. Foto AFP
Martin Luther King e sua moglie Coretta Scott King posano per una foto dopo il loro matrimonio il 18 giugno 1953. Foto AFP
05 / 08
Coretta Scott King (5°-R) guida una marcia su Memphis l'8 aprile 1968, cinque giorni dopo che suo marito fu assassinato. Alla sua destra, la figlia Yolanda marcia con i figli Martin e Dexter e alla presenza del presidente americano Jimmy Carter. La morte del difensore dei diritti ha provocato un'ondata di violenza in tutto il paese. La violenza ha lasciato 13 morti in tre giorni e milioni di dollari di danni. Intere strade saranno bruciate e i negozi saccheggiati. Foto AFP'assassinat de son mari. A sa droite, sa fille, Yolanda, marche avec ses fils Martin et Dexter et en présence du président américain Jimmy Carter. La mort du défenseur des droits a provoqué une vague de violence dans tout le pays. Les violences feront 13 morts en trois jours et plusieurs millions de dollars de dégâts. Des rues entières seront incendiées et des magasins pillés. Photo AFP
Coretta Scott King (5°-R) guida una marcia su Memphis l’8 aprile 1968, cinque giorni dopo che suo marito fu assassinato. Alla sua destra, la figlia Yolanda marcia con i figli Martin e Dexter e alla presenza del presidente americano Jimmy Carter. La morte del difensore dei diritti ha provocato un’ondata di violenza in tutto il paese. La violenza ha lasciato 13 morti in tre giorni e milioni di dollari di danni. Intere strade saranno bruciate e i negozi saccheggiati. Foto AFP
06 / 08
Martedì, una cerimonia si è tenuta al Mason Temple di Memphis per onorare Martin Luther King. Martin Luther King III, suo figlio, ha parlato. Foto AFP
Martedì, una cerimonia si è tenuta al Mason Temple di Memphis per onorare Martin Luther King. Martin Luther King III, suo figlio, ha parlato. Foto AFP
07 / 08
Martin Luther King III e la sua famiglia hanno partecipato alla cerimonia dove si è pregato in omaggio al reverendo King. Foto AFP
Martin Luther King III e la sua famiglia hanno partecipato alla cerimonia dove sono state recitate preghiere in omaggio al reverendo King. Foto AFP
08 / 08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *