Arteria temporale superficiale: tipologia e applicazione al lembo di fascia temporalis superficialis

Sommario

L’obiettivo del nostro lavoro è studiare la tipologia dell’arteria temporale superficiale (STA) nel soggetto melanodermico secondo la classificazione di Ricbourg et al. . Per realizzare questo studio, avevamo 47 cadaveri freschi e 3 teste congelate. L’arteria carotide esterna (ECA), dopo l’isolamento dal collo, è stata cateterizzata e iniettata con Rhodopas colorato con rosso congo. L’ATS è stato sezionato dopo un’incisione cutanea a forma di Y, una dissezione che si è conclusa con il sollevamento del lembo della fascia superficiale temporale.

Solo il terzo segmento dell’ATS e i suoi rami terminali sono stati studiati. Questo segmento era verticalmente ascendente e aggirava lateralmente l’arco zigomatico, dividendosi nei suoi due rami terminali temporofrontale e temporoparietale.

Il collaterale più importante, l’arteria zigomato-malare (AZM), è la base della classificazione di Ricbourg et al. che distingue due tipi di ATS:

  • tipo I: l’AZM origina dal tronco dell’ATS; il suo decorso è perpendicolare ad esso e leggermente ascendente; questo tipo I è stato trovato nel 93% dei casi;
  • tipo II: l’AZM origina dal ramo temporofrontale con un decorso orizzontale o obliquamente discendente. Il tipo II è stato notato nel 7% dei casi.

Questi risultati, che confermano quelli osservati da Ricbourg et al , non ci permettono di evidenziare alcuna incidenza razziale per la tipologia dell’ATS nel nostro paese.

Non abbiamo studiato le dimensioni dell’ATS così come il livello di biforcazione dell’ATS perché sono stati ampiamente descritti in letteratura. Questi elementi, senza dubbio, costituiscono in gran parte la base anatomica della chirurgia dei lembi temporali.

La lama portatrice di vasi attraverso la quale viaggia l’ATS costituisce la fascia temporale superficiale (FTS), la cui plasticità e versatilità sono beni notevoli nella chirurgia plastica e ricostruttiva.

Sommario

L’arteria temporale superficiale: tipo anatomico e applicazione clinica al lembo della fascia temporale superficiale

L’obiettivo del nostro studio è quello di valutare il tipo anatomico dell’arteria temporale superficiale (STA) nella popolazione nera utilizzando la classificazione di Ricbourg et al. Quarantasette cadaveri freschi e tre teste estratte e congelate sono state incluse in questo studio. L’arteria carotidea esterna è stata isolata nel collo e iniettata da Rhodopas colorata con Rosso Congo. L’arteria temporale superficiale è stata sezionata usando un’incisione cutanea a forma di Y. L’ultimo passo della procedura è stata la rimozione del lembo della fascia superficiale temporale.

Il terzo segmento dell’arteria superficiale temporale e i suoi rami terminali sono stati studiati. Questo segmento si dirige verso cefalad e avvolge l’arcata zigomatica. Si divide in due rami terminali: il temporo-frontale e il temporo-parietale. Il più importante dei suoi collateriali, l’arteria zigomato-maleo, gioca un ruolo cruciale per distinguere i sottotipi di STA secondo la classificazione di Ricbourg et al. Infatti, questo ramo può essere suddiviso in due tipi:

  • tipo I: l’arteria zigomato-malare nasce dal tronco della STA; ha un decorso perpendicolare e leggermente ascendente; questo tipo rappresenta il 93% dei casi. Il suo decorso è orizzontale o caudato. Questo tipo rappresenta il 3% dei casi.

I nostri risultati confermano quelli di Ricbourg et al. Così, non abbiamo potuto CONFERMARE la nozione di una predominanza razziale della tipologia della STA nel nostro contesto.

Non abbiamo studiato le dimensioni della STA e anche il livello della sua biforcazione. Infatti, è stato ampiamente riportato in letteratura. Questi elementi costituiscono la base anatomica dell’uso chirurgico dei lembi temporali. Il tessuto contenente i vasi in cui viaggia la STA forma la cosiddetta fascia temporale superficiale la cui plasticità e polivalenza sono critiche durante le procedure di chirurgia plastica e ricostruttiva.

Mots clés : artère temporale superficielle, typologie, chirurgie plastique

Keywords: arteria temporale superficiale, typologie, chirurgia plastica

Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *