Bilirubina

Una fragola
Questo articolo è da completare. Si tratta di biologia.
Fare meglio! (Aiuto)

Ematoma rivelato dalla presenza di bilirubina gialla diversi giorni dopo un incidente.

La bilirubina è una sostanza di colore giallo prodotta dal corpo, che viene prodotta quando i globuli rossi vengono distrutti. Questa sostanza è tossica e deve essere eliminata dal corpo. È ciò che dà all’urina, alle feci e agli ematomi il loro colore.

La bilirubina prende il nome dalla bile, un succo digestivo che ne contiene molta.

Storia della bilirubina nel corpo

Il ciclo di vita dei globuli rossi

I globuli rossi devono il loro colore a un pigmento, una sostanza di colore rosso chiamata emoglobina. I globuli rossi sono prodotti nel midollo osseo e vivono per circa 120 giorni, dopodiché vengono distrutti nel midollo osseo, nel fegato e nella milza.

Quando il globulo rosso viene distrutto, anche l’emoglobina viene distrutta e trasformata in un nuovo pigmento, di colore giallo, la bilirubina. Questo prodotto di scarto, proveniente dalla distruzione dei globuli rossi, è tossico per il corpo, come molti altri prodotti di scarto: deve quindi essere eliminato.

L’eliminazione della bilirubina da parte del rene

Il rene è un organo che filtra costantemente il sangue: i prodotti di scarto prodotti dal corpo, e che finiscono nel sangue, vengono “smistati”, e rimossi dal sangue. Mescolati all’acqua, formano un liquido, l’urina, che contiene i rifiuti, e che sarà eliminato poco dopo, urinando.

Il rifiuto più abbondante nell’urina è l’urea, che le dà il nome; ma l’urina è una miscela di acqua e molti rifiuti prodotti dal corpo. Uno dei più abbondanti di questi rifiuti è la bilirubina. È la bilirubina che dà all’urina il suo colore giallo.

L’eliminazione della bilirubina da parte del fegato

Alcune bilirubine non vengono eliminate dai reni, ma dal fegato. Il fegato usa la bilirubina per fare un succo digestivo, la bile, che è immagazzinata nella cistifellea, prima di essere inviata all’intestino.

La bile, come altri succhi digestivi, aiuta a digerire il cibo. Alla fine della digestione, la bilirubina contenuta nella bile sarà eliminata con le feci: è la bilirubina che dà il colore giallo-marrone alle feci.

Bilirubina e salute

La quantità di bilirubina può variare nel corpo, come risultato di vari problemi, e causare una colorazione gialla, che viene usata per identificare una malattia: questo è chiamato un sintomo.

Ematomi

Quando ci si colpisce, si può talvolta ottenere una piccola ferita, sotto la pelle, che non si vede: il sangue scorre all’interno del corpo, e forma una macchia, prima rossa, poi blu: questo è l’ematoma, più comunemente chiamato “livido”, semplicemente.

Dopo un po’ di tempo, l’emorragia all’interno del corpo si ferma e i vasi sanguigni danneggiati vengono riparati. Ma i globuli rossi usciti, che hanno una durata di vita limitata, muoiono e la loro emoglobina si trasforma in bilirubina. Ecco perché, dopo qualche giorno, il blu diventa… giallo!

Urina scura

Quando il fegato è malato, può succedere che non elimini più, o non elimini più completamente, la bilirubina. Di conseguenza, è il rene che deve eliminare tutta questa bilirubina, e l’urina sarà molto più scura del solito.

Il colore dell’urina può quindi essere usato come sintomo per rilevare alcune malattie del fegato, come un attacco epatico, per esempio. Ma attenzione: la bilirubina non è l’unico pigmento che colora l’urina: alcuni alimenti contengono sostanze che colorano anche l’urina.

In passato, i medici esaminavano il colore delle urine dei loro pazienti, per diagnosticare lo stato di salute del paziente (una scena molto comune nelle commedie di Molière).

Di conseguenza, avere delle urine più scure del solito non è necessariamente grave, può essere abbastanza normale, a seconda di quello che hai mangiato!

Ittero o ittero

Alcune malattie, più o meno gravi, impediscono al fegato di funzionare normalmente. Come risultato, la bilirubina rimarrà nel corpo, e colorerà la pelle, e soprattutto la congiuntiva (il “bianco” dell’occhio) di giallo: questo è chiamato ittero, o, più comunemente, ittero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *