Brevets: HTC vince la causa contro Nokia in Germania

    David Corroy By David Corroy On 10/01/2014

Nokia e HTC hanno avuto alcune grandi avventure legali insieme negli ultimi mesi. Solo poche settimane fa, HTC è stato condannato dal giudice Matthias Ziggan del tribunale di Monaco. Le cose sembrano andare meglio per il produttore taiwanese, dato che il tribunale tedesco ha respinto una nuova denuncia, sempre relativa alla violazione di brevetti, da parte della finlandese Nokia. Un raggio di sole per HTC che stava accumulando cattive notizie finanziarie e legali.

Il brevetto in questione è registrato EP 0804046. È legato a un metodo di “aggiornamento” degli smartphone. Si tratterebbe di poter telefonare liberamente mentre un dispositivo si sta aggiornando. Il giudice ha stabilito questa volta che HTC non ha violato il brevetto. HTC, naturalmente, ha detto di essere sollevata da questa decisione. Tuttavia, c’è una buona possibilità che Nokia ricorra in appello, soprattutto se il marchio è veramente convinto che HTC stia davvero violando questo.

Nokia perde contro HTC in una nuova causa in Germania

In ogni caso, visto il numero di denunce già presentate, un’altra sessione di tribunale non disturberà più nessuno. Prima di perdere i processi precedenti, i tribunali tedeschi avevano respinto un certo numero di casi affiliati ai brevetti di Nokia, e altri sono ancora in corso. Ovviamente, a parte i pochi casi precedenti, HTC non sarà disturbata.

Speriamo per lui che ora che Microsoft è al comando, possa respirare. Il produttore vuole tuttavia continuare i suoi passi con le corti federali al fine di invalidare tutti gli attacchi di Nokia che considera infondati. Ricordate che una spada di Damocle pende ancora sulla testa di HTC. Infatti, se Nokia decide di farlo, a causa della sua precedente vittoria, può far vietare tutti gli smartphone del produttore (compreso l’HTC One Max) sul territorio tedesco pagando la somma di 400 milioni di euro.

Via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *