C3M – Inserm U1065 (Italiano)

Ivanov S, Gallerand A, Gros M, Stunault MI, Merlin J, Vaillant N, Yvan-Charvet L, Guinamard RR

Eur. J. Immunol. 2019 Jun;

Abstract

PMID: 31251389

I macrofagi svolgono un ruolo centrale durante le infezioni, le infiammazioni e il mantenimento dell’omeostasi tissutale. I macrofagi sono stati identificati in tutti gli organi e la loro firma trascrittomica di base e le loro funzioni differiscono da un tessuto all’altro. È interessante notare che i macrofagi sono stati identificati anche nella cavità peritoneale e queste cellule sono state ampiamente utilizzate come modello di fagocitosi, efferocitosi e polarizzazione. I macrofagi peritoneali sono coinvolti nella produzione di IgA delle cellule B, nel controllo dell’infiammazione e nella guarigione delle ferite in seguito a lesioni della superficie epatica indotte dal calore. Queste cellule presumibilmente richiedono e interagiscono con l’omento, dove le cellule stromali del punto latteo sono state proposte per secernere CSF1 (fattore stimolante le colonie 1). I macrofagi peritoneali dipendono dal CSF1 per la loro generazione e sopravvivenza, ma l’identità delle cellule che producono CSF1 all’interno della grande cavità peritoneale rimane sconosciuta. Qui abbiamo studiato la localizzazione dei macrofagi peritoneali e la loro interazione con le cellule mesoteliali, il principale tipo di cellula previsto per secernere CSF1. I nostri dati hanno rivelato che le cellule mesoteliali producono CSF1 legato alla membrana e secreto che entrambi sostengono la crescita dei macrofagi peritoneali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *