Cambiamenti mediati dall’interferone nell’espressione di CYP1A1 in cellule umane B Iymphoblastoid (AHH-1 TK + I-)

L’interferone è stato trovato per diminuire l’espressione dei citocromi P450 inducibili e costitutivi attraverso un meccanismo pre-traslazionale sconosciuto che diminuisce l’mRNA che codifica le apoproteine P450. Per stabilire un’associazione tra la trascrizione e la diminuzione dell’espressione delle apoproteine P450, abbiamo esaminato l’effetto di un interferone ricombinante (IFN-α2a) sul CYP1A1 di linee cellulari linfoblastoidi B umane. La linea cellulare cHoI esprime il CYP1A1 nativo inducibile, mentre il derivato geneticamente ingegnerizzato h1A1 v2 esprime un cDNA del CYP1A1 umano derivato da un vettore extracromosomico non inducibile, che manca della regione promotrice del CYP1A1. Abbiamo caratterizzato il CYP1A1 mRNA, l’apoproteina e l’attività, usando rispettivamente il Northern blotting, l’immunoblot occidentale e l’attività di etossicorufina O-deetilasi. Nelle cellule cHoI, dopo l’induzione con dibenzantracene, l’interferone ha diminuito i livelli di CYP1A1 mRNA e di apoproteina del 76 e 55%, rispettivamente, senza cambiamenti rilevabili nell’attività enzimatica. Tuttavia, nelle cellule h1A1 v2, l’interferone ha aumentato i livelli di mRNA e di apoproteina e l’attività del CYP1A1. La diminuzione dei livelli di CYP1A1 mRNA e delle apoproteine nelle cellule cHoI, in contrasto con l’aumento osservato nelle cellule h1A1 v2, suggerisce che i meccanismi nucleari sono richiesti dall’interferone per mediare una diminuzione dell’espressione del citocromo P450 inducibile. I nostri risultati preliminari suggeriscono che la diminuzione mediata dall’interferone dei livelli di CYP1A1 può derivare dall’inibizione della trascrizione genica. Parole chiave: citocromo P450, cellule linfoblastoidi, interferone, trascrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *