Che cos’è il bere a rischio

È un livello di consumo di alcol associato alla possibile comparsa di problemi di salute.

Ci sono due tipi di consumo a rischio:
– consumo episodico a rischio
– consumo cronico a rischio

Per gli uomini:

Bere a rischio per gli uomini sotto i 65 anni:

  • cronico: consumo di più di 180 g (più di 18 bevande alcoliche) a settimana o
  • episodico: consumo di 50 g o più (5 bevande alcoliche) per occasione

Bere a rischio per uomini di 65 anni o più:

  • cronico: consumo di più di 90 g (più di 9 bevande alcoliche) di alcol per settimana o
  • episodico: consumo di 40 g o più (4 bevande alcoliche) per occasione

Per le donne:

Al contrario degli uomini, non esiste una raccomandazione specifica per le donne legata all’età. Consumo considerato a rischio per le donne:

  • Cronico: consumo di più di 90 g (più di 9 bevande alcoliche) di alcol per settimana o
  • episodico: consumo o 40 g o più (4 bevande alcoliche) per occasione

D’altra parte, ci sono raccomandazioni specifiche in caso di gravidanza o per le donne che cercano di diventare incinta.

Il bere a rischio non è una malattia in sé, ma può causarla o portare alla dipendenza (vedi definizione). Un terzo delle persone che bevono a rischio sono a rischio di dipendenza.

Cos’è il bere episodico a rischio e quali sono i rischi?

Anche chiamato binge drinking, questo consumo supera le raccomandazioni per occasione. Cioè, 40 o 50 g per occasione o più (4 o 5 bevande alcoliche) a seconda del sesso e dell’età.

I rischi a breve termine di tale consumo sono:

  • incidenti
  • traumi
  • pancreatite acuta (il pancreas è un organo che produce enzimi che aiutano la digestione e ormoni come l’insulina che regolano i livelli di zucchero nel sangue. L’alcol può causare l’infiammazione di questa ghiandola e compromettere la sua funzione). La pancreatite acuta è una condizione grave.
  • violenza (verso gli altri o verso se stessi).

Cos’è il bere cronico a rischio e quali sono i rischi che comporta.

Questo consumo supera le raccomandazioni di consumo di alcol in una settimana, cioè 180 g (18 bevande alcoliche) o 90 g (9 bevande alcoliche) a settimana a seconda del sesso e dell’età.

I rischi associati a tale consumo a lungo termine sono:

  • cirrosi epatica
  • cancro digestivo
  • pancreatite
  • cancro al seno nelle donne
  • altre malattie croniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *