Colpito da Covid-19 e febbre dengue, diventa cieco e paralizzato dopo il morso del cobra


Un uomo britannico è stato infettato da coronavirus, malaria e febbre dengue: per aggiungere l’insulto al danno, è stato poi morso da un serpente mortale, il cobra reale, lasciandolo cieco e paralizzato

Un cobra reale (illustrazione)
Un cobra reale (illustrazione)

Image Credit: Bosse Jonsson / HO / AFP

Florise Vaubien
Florise Vaubien Giornalista
pubblicato il 20/11/2020 alle 19:49

Uno scherzo del destino o una triste coincidenza? La storia di questo britannico, con sede nel nord-ovest dell’India, sembrerebbe quasi una maledizione. Ian Jones è stato infettato da coronavirus, malaria e dengue, un’influenza tropicale trasmessa dalla puntura di una zanzara. Ma la sfortuna non finisce qui: l’uomo fu morso da un cobra reale, un serpente mortale, lasciandolo cieco e paralizzato.

Prima del morso fatale, questo britannico era bloccato in India, causando preoccupazione nella sua famiglia. Infatti, “non era potuto tornare a casa a causa della pandemia” di Covid-19 e “eravamo naturalmente preoccupati”, testimonia suo figlio. Ma “quando abbiamo saputo che aveva anche subito un morso di serpente mortale, oltre a tutto quello che aveva passato, onestamente non potevamo crederci”, ha detto all’emittente Skynews.

Lancio della raccolta fondi

Questo britannico, che lavorava nel campo della salute, si è trasferito in India dove ha aiutato per mesi gli artigiani indiani “che soffrono la povertà”, racconta BFMTV. Lavora a stretto contatto con un’associazione per sostenere queste popolazioni sofferenti.
A causa della cecità e della paralisi causate dal morso, Ian Jones è attualmente in cura in terapia intensiva in un ospedale del paese. L’uomo “è stabile al momento, anche se ha la paralisi alle gambe e la cecità, che speriamo sia temporanea”, ha detto suo figlio. Per sostenerlo in questa prova, la sua azienda, l’impresa sociale indiana Sabirian, ha lanciato una raccolta di fondi per coprire le spese mediche e le cure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *