Come combattere efficacemente le cicatrici e le macchie di pigmentazione

– Articolo originariamente pubblicato il 14 giugno 2011

Cos’è una macchia di pigmentazione?

Per dirla semplicemente, succede che in seguito ad un abuso di sole, o ad un disturbo della pelle, la melanina va in tilt e quindi provoca una macchia scura sull’epidermide.

È abbastanza raro avere macchie solari quando si è giovani, ma purtroppo non è sempre così. Una macchia pigmentaria si riconosce per il suo colore leggermente scuro (un po’ come una lentiggine più pronunciata), e sulla pelle di razza mista o nera, può anche diventare marrone.

In sé, non è pericolosa, ma può diffondersi con il tempo e l’abuso del sole, e portare, per esempio, al melasma (una macchia piuttosto estesa, che “scurisce” un’intera area della pelle quando arriva il sole).

Come si riconosce una cicatrice?

Non parlerò di cicatrici dovute a operazioni o altro, ma di cicatrici da brufoli che, a forza, lasciano segni sulla pelle.

In parole povere, quando hai un brufolo e soprattutto quando lo attacchi o ci giochi, la tua pelle “fa” una specie di segno residuo. Su alcune pelli, specialmente quelle molto chiare, di razza mista o nere, questo marchio può non guarire correttamente e rimanere sul viso per molto tempo.

Sulla pelle chiara, questo marchio sarà rosso o rosso scuro, mentre sulla pelle di razza mista o nera, sarà marrone scuro. È facilmente riconoscibile perché si colloca dove si è avuto un brufolo, semplicemente. Anche senza sollievo, il suo colore impiega molto tempo per andare via e a volte… non va via.

Nulla di grave, ma molte persone sviluppano complessi su queste cicatrici, che danno l’aspetto della pelle ancora coperta di brufoli quando non c’è più nulla.

Trattare le macchie pigmentarie

Parlerò solo delle macchie solari, altri difetti pigmentari dovrebbero essere presentati ad un dermatologo. Le macchie solari richiedono prima di tutto una buona protezione solare: tutto l’anno, mettiamo un indice leggero in inverno e forte in estate, per evitare che le macchie si scuriscano o si ingrandiscano.

Per sradicarle, possiamo usare una cura schiarente, che sbiadirà gradualmente le macchie.

Trattare le cicatrici

Se sono recenti, tiriamo subito una crema che aiuterà ad accelerare la guarigione e quindi avrà la possibilità di lasciare meno segni.

Possiamo usare l’aloe vera, o per maggiore efficacia l’aloe ferox (il suo cugino che si trova per esempio nei prodotti della marca Velds), che idrata e aiuta la pelle quando si ha questo tipo di inconveniente. Le creme curative commerciali, come Cicalfate di Avène, funzionano bene ma attenzione, non su tutte le pelli.

Se le cicatrici sono un po’ più vecchie (dopo qualche settimana, le creme curative sono praticamente inutili), allora si possono usare trattamenti AHA che esfoliano delicatamente le cicatrici e le fanno sparire, o trattamenti schiarenti.

Qual è una buona routine da adottare?

Non ti nascondo che per ottenere risultati, è meglio adottare prodotti complementari. Anche se un detergente illuminante può sembrare fantasioso, in realtà è più facile adottare una lozione e un siero che vanno insieme.

Come regola generale, è meglio usare la cura della pelle di notte, e usare la protezione solare durante il giorno. Mettere un trattamento illuminante mentre si è al sole può causare l’effetto opposto e scurire il colore delle macchie.

>> Errore: cambia il colore della pelle? No, minimizza solo il colore delle macchie, ma non le rende né la pelle bianca con esse, come i prodotti glow.

Shopping per combattere cicatrici e macchie scure

Macchie scure

  • Even Better Anti-Spot Correcting and Sublimating Concentrate, Clinique, £48.50
  • Vinoperfect Anti-Spot Radiance Serum, Caudalie, 36,27€
  • Siero Luminoso Illuminante Pearlixime, Ixxi, 45€
  • Siero Correttore Anti-Spot di Pigmentclar, La Roche-Posay, 36,10€

Scars

  • Cicadiane Soothing Repair Cream, Noreva, 7,97€
  • Epitheliale A.H Duo, A-Derma, circa 12€
  • Cicalfate crema riparatrice, Avène, 6,50€
  • Aloe vera organica, Pur’Aloé, 9,95€

Anche da leggere: Focus su idratazione e luminosità dell’incarnato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *