Cytotec® sarà ritirato dal mercato nel 2018

“Il laboratorio Pfizer France ci ha informato della sua decisione di ritirare dal mercato francese il suo prodotto Cytotec®, ampiamente utilizzato in ginecologia al di fuori del MA (al di fuori delle indicazioni a cui è destinato) che sarà effettivo il 1 marzo 2018.” ha detto AFP Dr. Christelle Ratignier-Carbonneil, vice direttore generale dell’agenzia di droga ANSM in occasione del 6 ° Etats généraux organizzato, giovedì a Parigi, dall’associazione il collegamento di difesa del paziente.

“Il Cytotec®, sul mercato dal 1987, è molto poco utilizzato in gastroenterologia ed è soprattutto utilizzato in ginecologia”, principalmente per l’aborto e l’induzione artificiale del parto a termine, secondo l’ANSM. Il ritardo, ha detto, permetterà ai produttori che già commercializzano i farmaci Gymiso® e MisoOne®, contenenti la stessa molecola (misoprostolo), di aumentare la loro produzione per “assicurare l’accesso all’aborto medicato”, il cui numero è di 128.000 dichiarato nel 2015.

Il Cytotec®, che si prende normalmente per via orale, contiene misoprostolo, una molecola che appartiene alla famiglia delle prostaglandine. “Il misoprostolo è un grande prodotto che fornisce servizi reali”, sottolinea il dottor Thierry Harvey, gineco-ostetrico, che cita il suo uso per gli aborti spontanei.

Ma è l’uso del Cytotec® per via vaginale per indurre il parto a termine di un bambino vitale e i gravi rischi che questo comporta per la salute della madre e del bambino che è uno “scandalo”, ritiene l’associazione Timéo, che si è battuta per il suo divieto con il sostegno di Le Lien. Questo uso deviato comporta effettivamente dei rischi di sovradosaggio perché suppone di utilizzare un ottavo della compressa che è dosata a 200 microgrammi, che considerando la sua dimensione (meno di un centimetro) è come minimo rischioso, nota il dottor Harvey, che è “su come un cuculo” contro questa pratica pericolosa, motivata da considerazioni finanziarie. Il rischio è quello di causare contrazioni troppo forti, e scarsa ossigenazione del feto, secondo l’ostetrica.

Un ritiro descritto come “buona notizia” da Alain-Michel Ceretti, fondatore del Link. “Ma l’affare Cytotec® rivela la debolezza dell’autorità dello Stato in materia di sicurezza sanitaria, un problema al centro degli Stati Generali” giudica. L’agenzia del farmaco aveva già messo in guardia, nel 2013, contro i gravi rischi per la madre e il bambino (rottura uterina, emorragia …) di questo uso. “La legge deve essere cambiata per poter vietare le pratiche identificate come pericolose”, aggiunge Ceretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *