Decathlon taglia l’annuncio a CNews

Il rivenditore preferito dai francesi per il secondo anno di fila è stato nelle notizie negli ultimi giorni. Il motivo? La decisione notata di non mostrare più spot pubblicitari su CNews fino alla fine del 2020, riporta LSA-Conso. Se nessuna ragione è chiaramente annunciata dal marchio, potrebbe cercare di non essere più associato alle controversie del canale. Il collettivo Sleeping GIants, che è abituato a chiamare gli inserzionisti, ha rivelato le informazioni sul suo account Twitter. La pubblicazione afferma anche che l’azienda penserebbe di mantenere questa decisione nel 2021.

Il collettivo Sleeping Giants, nato negli Stati Uniti dopo l’elezione di Donald Trump, si è poi diffuso in altri paesi. Il suo obiettivo è quello di sensibilizzare gli inserzionisti i cui annunci sono stati trovati associati a “informazioni false o dichiarazioni razziste, xenofobe, sessiste e omofobe”. Secondo LSA-Conso, Decathlon ha confermato che gli annunci sono stati ritirati, ma non ha voluto commentare. L’obiettivo, potrebbe essere quello di allontanarsi dall’immagine polemica del canale talvolta associata ai commenti di Pascal Praud o Eric Zemmour.

Caricamento…

>> Leggi anche – Decathlon trae risultati positivi dalla sua carta digitalizzata su Wallet

Chiede di boicottare Decathlon

Il sito specializzato Ozap, afferma anche che diversi oratori CNews o figure politiche sono stati spostati dall’annuncio e stanno chiedendo un boicottaggio di Decathlon. Non è la prima volta che la compagnia del nord lo fa. In passato, i banner pubblicitari erano già stati ritirati da CNews e Valeurs Actuelles. I siti Boulevard Voltaire, Breizatao o Breitbart sono anche esclusi dalle sue campagne pubblicitarie.

>> Leggi anche – Decathlon vittima di una campagna omofoba in Turchia

Decathlon non è il primo rivenditore ad agire in questo modo nei confronti di CNews. In passato, Ferrero, Lipton, Maître Coq, o anche Leclerc si sono impegnati a non mostrare pubblicità durante la fascia oraria occupata da Eric Zemmour. Ma gli effetti sembrano limitati per il momento. Come dettagliato da Le Figaro, se il volume è in calo, le entrate pubblicitarie nel settembre 2020 rispetto al 2019 sarebbero in aumento del 25%. Dal 7 al 13 settembre, CNews ha così guadagnato “3,6 milioni di euro lordi di entrate pubblicitarie”. Due anni fa, nello stesso periodo, le sue entrate pubblicitarie ammontavano a 1,7 milioni di euro lordi”, sottolinea Philippe Nouchi, direttore di media expertise di Publicis Media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *