Digital Equipment Corporation (Italiano)

L’azienda fu fondata nel 1957 da Ken Olsen, un ingegnere del Massachusetts che aveva lavorato al progetto TX-2 al Massachusetts Institute of Technology (MIT) Lincoln Laboratory. Il TX-2 era un computer basato su transistor. Quando il progetto ebbe dei problemi, Olsen se ne andò per fondare il DEC con Harlan Anderson, un collega del MIT. A quel tempo gli investitori non erano a favore delle aziende di computer. Così hanno iniziato a costruire piccoli moduli digitali (corrispondenti ai componenti del TX-2) che potevano essere combinati per l’uso in un laboratorio. Nel 1961 l’azienda era redditizia e cominciò a costruire il suo primo computer: il PDP-1.

1960s – 1980sEdit

Durante gli anni 1960 DEC produsse una serie di computer che avevano un rapporto prezzo/prestazioni migliore di quelli IBM, generalmente basati su parole a 18 bit. Il successo arrivò nel 1964 con il PDP-8. Era un computer a 12 bit venduto per circa 16.000 dollari. Il PDP-8 era abbastanza piccolo da stare su un carrello. Era abbastanza facile da usare per molte applicazioni e ha conquistato molti mercati di nicchia, laboratori, ferrovie e applicazioni industriali. Il PDP-8 è ora considerato il primo minicomputer.

L’ultimo computer di riferimento della serie PDP fu il PDP-11. Utilizzava parole a 16 bit per supportare i caratteri ASCII ormai standard. Aveva 64 kilobyte di RAM. È noto in particolare per essere il computer su cui sono stati sviluppati UNIX e il linguaggio C.

Nel 1976, DEC progettò una nuova architettura a 32 bit e giocò un ruolo cruciale nel lanciare una corsa per macchine più economiche, più maneggevoli e più potenti contro il monopolio IBM. Fu introdotto nel 1978 con il VAX 11/780 e catturò rapidamente il mercato dei minicomputer. I VAX potevano essere usati con il sistema operativo UNIX o VMS del DEC.

Il successo commerciale del DEC ha raggiunto l’apice alla fine degli anni ’80. Era il secondo più grande produttore di computer e aveva 100.000 dipendenti. A quel tempo, DEC offriva molti prodotti proprietari come la rete DECnet. Poiché questi prodotti erano progettati per funzionare solo con i prodotti DEC, i consumatori si sono rivolti a prodotti più standard. Allo stesso tempo, le prestazioni delle stazioni di lavoro RISC stavano raggiungendo il VAX. Sfortunatamente, Ken Olsen non credeva nel futuro del personal computing e Digital ha perso la svolta del PC. All’inizio degli anni ’90, DEC fu costretto a licenziare.

Anni 1990 – 2002Modifica

Nel 1992, DEC introdusse il microprocessore RISC a 64 bit DEC Alpha, che rimase il microprocessore di maggior successo per diversi anni. I sistemi operativi VMS, UNIX e Windows NT supportavano l’Alpha. I computer Alpha non riuscirono a prendere quote di mercato significative dai concorrenti del DEC, tuttavia.

Ken Olsen fu sostituito da Robert Palmer (en) come capo dell’azienda, ma Palmer non riuscì a prevenire il declino, e i licenziamenti continuarono.

Nel 1994, DEC vendette il suo database (RDB) a Oracle.

Nel 1995, DEC creò Altavista, un motore di ricerca web che fu uno dei più popolari prima dell’arrivo di Google.

Nel 1996, Digital vendette il suo dipartimento di formazione a un fondo pensione, che divenne Global Knowledge

Nel 1997, DEC vendette la sua “divisione rete” a Cabletron (en).

Nel maggio 1997, DEC fa causa a Intel per violazione di brevetto con il Pentium, ma l’accordo raggiunto è di vendere la divisione microprocessori a Intel.

Il 26 gennaio 1998, DEC viene venduto a Compaq, che si fonde con Hewlett-Packard nel 2002.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *