Diventare un naturopata: quale formazione?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato qualche tempo fa un opuscolo sul percorso consigliato per diventare un naturopata. C’erano due percorsi principali: uno per coloro che non sono formati nella scienza della medicina, e il secondo per coloro che lo sono. È vero che al CMDQ, riceviamo domande da entrambi i gruppi: quelli che hanno poco o nessun background medico, e quelli che sono già medici. Offriamo soluzioni per entrambi i gruppi, comunque.

Volevo condividere con voi alcuni estratti dall’opuscolo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Perché diventare un Naturopata?

La missione di un Naturopata, secondo l’OMS, è quella di insegnare i principi della vita sana e dell’assistenza sanitaria preventiva. Chi può contraddire questa bella definizione?

I Naturopati insegnano i principi di una vita sana e di un’assistenza sanitaria preventiva. Insegnano ai pazienti le cause della malattia in modo che possano meglio evitare le recidive. Inoltre, i pazienti dovrebbero essere coinvolti nel processo terapeutico in modo da poter partecipare al proprio recupero e imparare ad assumersi la responsabilità della loro salute futura. Questo approccio cooperativo tra il professionista e il paziente ha dimostrato di responsabilizzare il paziente, il che fornisce un ulteriore beneficio.

Questo riassume tutto. La maggior parte dei futuri studenti che vogliono iscriversi con noi mettono nella loro lettera di presentazione uno degli elementi inclusi nella definizione dell’OMS. Spesso sono le esperienze personali che li motivano a questa scelta di vita e di carriera.

Che formazione prendere?

Qui l’OMS fa delle raccomandazioni. Non è un curriculum obbligatorio e le principali associazioni naturopatiche non richiedono tutto ciò che è menzionato nell’opuscolo. Lo menziono comunque in questo articolo per condividere con voi le alte aspettative per gli studenti di naturopatia. Al CMDQ, soddisfiamo i criteri delle associazioni professionali che in seguito permettono ai nostri studenti di offrire ai loro pazienti ricevute fiscali, tra le altre cose. Naturalmente, cerchiamo sempre di migliorare la qualità della nostra formazione, quindi prendiamo in considerazione qualsiasi feedback costruttivo.

Gli esperti di naturopatia distinguono due tipi di formazione naturopatica in base alla formazione precedente e all’esperienza clinica dei tirocinanti. I programmi di formazione di tipo I sono per coloro che non hanno alcuna formazione o esperienza precedente nell’assistenza sanitaria o nella salute. Sono progettati per formare professionisti naturopatici che sono qualificati per praticare come operatori di assistenza primaria e di prima linea, sia in modo indipendente che come membri di un team di assistenza sanitaria. Questo tipo di programma comporta un minimo di due anni di studio a tempo pieno (o equivalente) di almeno 1500 ore, comprese almeno 400 ore di formazione clinica supervisionata. I candidati accettabili avranno in genere completato la scuola superiore o equivalente.

I programmi di formazione di tipo II sono per individui con una formazione medica o di altro tipo relativa alla salute (medicina occidentale, odontoiatria, chiropratica, osteopatia, ecc.) che desiderano diventare un operatore naturopatico riconosciuto. I risultati dell’apprendimento dovrebbero essere paragonabili a quelli di un programma di tipo I.

Risultati di apprendimento del programma di tipo I

I laureati del programma di tipo I devono essere in grado di:

  • fornire una descrizione di base dei principi e della pratica delle varie discipline della medicina tradizionale, complementare e alternativa;
  • valutare la salute dei loro clienti di tutte le età in modo competente e accurato e comunicare queste informazioni in modo efficace ai loro clienti; – su questo argomento, il QDMC ha pubblicato un blog sui test che un naturopata potrebbe far fare al suo paziente. Questo è, naturalmente, descritto più dettagliatamente nei corsi CMDQ stessi.
  • prescrivere trattamenti appropriati usando modalità naturopatiche usate in accordo con i principi naturopatici;
  • raccomandare medicine tradizionali per trattare e prevenire malattie e promuovere la salute;
  • preparare medicine tradizionali in accordo con i requisiti della farmacopea e le buone pratiche di preparazione e composizione delle medicine;
  • monitorare, valutare e adattare, come necessario, la cura naturopatica di ogni cliente;
  • educare i clienti e il pubblico sulla promozione della salute e la prevenzione delle malattie; Benchmarks for naturopathic education;
  • riferire i clienti ad altri professionisti della salute quando necessario e appropriato;
  • Rispettare l’etica e rispettare i codici e le linee guida delle organizzazioni professionali pertinenti, così come le leggi, le regole, e/o i regolamenti dell’ente di licenza.

Il programma di tipo I consiste in quattro aree principali di studio:

  1. scienze di base (includono: anatomia, fisiologia, patologia.)
  2. scienze cliniche (includono: prendere la storia del paziente e la valutazione clinica; esame fisico; primo soccorso e medicina d’emergenza; igiene e salute pubblica.)
  3. scienze, modalità e principi della naturopatia (storia e pratica della naturopatia; cura della natura; nutrizione; idroterapia; medicina botanica; omeopatia e sali di tessuto; Bach Flower Therapy; gestione dello stress e consulenza sullo stile di vita; etica e giurisprudenza; elettivi (luce ed elettroterapia; iridologia; terapie dei tessuti molli; aromaterapia; agopuntura).
  4. formazione clinica e applicazione.

Alcuni corsi e discipline coprono più di una di queste aree, quindi questa classificazione è semplicemente intesa a fornire una semplice categorizzazione dell’ambito dei corsi studiati.

Competenza in Medicina Botanica

La competenza in Medicina Botanica richiede una formazione in materie naturopatiche di base così come materie specifiche di medicina botanica. Tutti i praticanti di naturopatia ricevono una formazione sull’uso e la composizione delle piante medicinali.
Sono competenti nell’identificazione, conservazione, composizione e distribuzione dei rimedi erboristici. Questi professionisti dovrebbero essere in grado di identificare i rimedi erboristici più comunemente usati nella loro regione e dimostrare la conoscenza della farmacognosia e delle buone pratiche di preparazione e composizione dei farmaci.
Per ognuno di questi rimedi erboristici, devono essere in grado di indicare indicazioni, dosaggi, controindicazioni, potenziali reazioni avverse, livelli di tossicità, e potenziali interazioni tra erbe, farmaci o alimenti.
I professionisti devono rispettare i requisiti per la segnalazione delle reazioni avverse. Alla fine del programma di formazione, gli studenti dovrebbero avere le competenze nel settore delle medicine botaniche e:

  • avere conoscenze di base di botanica;
  • comprendere la tassonomia e la morfologia delle medicine botaniche;
  • essere in grado di identificare le medicine botaniche, sia in crescita che in polvere, secondo il loro livello di pratica;
  • essere in grado di classificare le piante secondo la loro azione – es. come astringenti, demulcenti, diaforetici, ecc. – e mettere in relazione l’azione di una data pianta con le indicazioni per il suo uso;
  • comprendere l’azione farmacologica dei farmaci botanici;
  • conoscere in dettaglio la gamma di dosaggio e le tossicità dei farmaci botanici studiati nel loro programma di formazione;
  • conoscere in dettaglio le controindicazioni e le incompatibilità dei farmaci botanici studiati nel loro programma di formazione;
  • essere in grado di elencare le interazioni potenzialmente avverse botanico-botaniche, botanico-nutraceutiche, botanico-farmaceutiche e/o botanico-alimentari per i farmaci botanici utilizzati nella loro pratica;
  • essere consapevoli dei relativi meriti delle preparazioni medicinali botaniche semplici e/o complesse;
  • avere una buona comprensione delle buone pratiche di preparazione e composizione, come appropriato al loro livello di pratica;
  • essere in grado di segnalare le reazioni avverse alle autorità competenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *