Effetto delle mutazioni somatiche CTNNB1 sulla dedifferenziazione nell’adenoma che si presenta all’inizio della gravidanza o in menopausa

Resumé

Background

L’aldosteronismo primario è una causa curabile di ipertensione se l’ipertensione è dovuta a un adenoma produttore di aldosterone (APA) . La scoperta di mutazioni somatiche che definiscono sottotipi patogenetici di questo adenoma ha aumentato il riconoscimento di APA comuni ma di piccole dimensioni, simili alla zona glomerulosa. In questo sottotipo, abbiamo cercato APA con presentazione o esito distintivo, in cui l’analisi delle associazioni genotipo-fenotipo potrebbe aiutare a spiegare il basso tasso di successo e la variabilità della surrenalectomia per la cura dell’ipertensione.

Metodi

Dieci APA zona glomerulosa-like di tre donne con aldosteronismo primario sono stati analizzati mediante sequenziamento dell’esoma e analisi microarray. Nove avevano una mutazione di ATP1A1 o CACNA1D, e uno aveva un genotipo e un trascrittoma particolari. Il sequenziamento mirato di ulteriori APA zona glomerulosa-like ha portato alla scoperta di due con un genotipo simile, e al riconoscimento che tutte e tre le donne hanno presentato all’inizio della gravidanza o in menopausa. La PCR quantitativa e l’immunoistochimica sono state eseguite per i geni upregolati nel caso indice. Analisi simili e un test TCF-LEF per la segnalazione Wnt sono stati eseguiti su cellule trasfettate con il gene mutante.

Risultati

Tutte e tre le APA avevano nuove mutazioni nell’esone 3 di CTNNB1, che codifica la β-catenina nella via di differenziazione cellulare Wnt. Le mutazioni hanno impedito la fosforilazione della β-catenina, con un conseguente aumento della forma totale di β-catenina e del rapporto tra attivo e totale, come quantificato da immunoblotting. La trasfezione di costrutti mutanti in cellule HEK ha causato quasi il raddoppio della segnalazione Wnt in un saggio di luciferasi. Microarray del caso indice trovato un maggiore di 100 volte aumento dell’espressione dei recettori gonadici LHCGR e GNRHR, confermato da qPCR (entrambi i geni) e immunoistochimica (LHCGR) in tutti e tre APAs. L’aumento dell’espressione di GATA4 era un’ulteriore prova della de-differenziazione delle cellule adrenocorticali verso il loro comune tipo di cellula precursore gonadico-surrene. La trasfezione delle cellule APA LHCGR-negative con GFP-mutante-CTNNB1 ha acceso l’espressione LHCGR nelle cellule GFP-positive.

Interpretazione

Il ruolo del sistema Wnt nella fisiologia surrenale e nello sviluppo dei tumori è ben riconosciuto. La de-differenziazione delle cellule della zona glomerulosa dopo l’attivazione di Wnt dalla mutazione CTNNB1 sembra causare l’espressione aberrante del recettore gonadico, che è anche precedentemente descritto. I nostri risultati collegano queste osservazioni e spiegano lo smascheramento delle piccole APA con l’aumento dell’ormone luteinizzante e dell’ormone gonadotropina corionica umana all’inizio della gravidanza o della menopausa. Sorprendentemente, tutte e tre le donne, compresa la donna anziana resistente al trattamento, sono state clinicamente curate dalla surrenalectomia. Questo contrasta con il fallimento della surrenalectomia per curare completamente l’ipertensione nella maggior parte dei pazienti. Questo fallimento è attribuibile a decenni di esposizione all’eccesso di aldosterone e alle conseguenze secondarie di fibrosi e rimodellamento del sistema cardiovascolare. Le mutazioni CTNNB1 sono state ora riportate nel 10% delle APA senza una mutazione precedentemente riportata. L’elucidazione dei sottotipi di APA potrebbe, con la genotipizzazione preoperatoria, consentire il riconoscimento dei pazienti in cui l’insorgenza recente di aldosteronismo primario è probabile che sia completamente risolta dalla chirurgia.

Le texte complet de cet article est disponible en PDF.

Plan

Precedente pubblicazione. Questo studio è stato recentemente pubblicato per intero in: Teo AE, Garg S, Shaikh LH, Zhou J, Karet Frankl FE, Gurnell M, et al. Gravidanza, aldosteronismo primario e mutazioni CTNNB1 surrenali. N Engl J Med 2015;373:1429-36.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *