Emarketing.it (Italiano)

  • Print

Un’espressione anglosassone erroneamente abbreviata per significare “pensare fuori dalla scatola” e usata per riferirsi a un processo di pensiero non convenzionale, che ha lo scopo di essere più creativo e innovativo. “Thinking outside the box” descrive un modo di pensare e di generare idee, in cui i partecipanti sono chiamati ad essere il più aperti possibile, trascurando i dogmi e i principi che di solito inquadrano e quindi eventualmente inibiscono questo tipo di esercizio. L’obiettivo è quello di sorprendere con un’idea molto originale, un’idea di rottura, nello spirito della USP (Unique Selling Proposition) o di disturbo; per essere percepiti nonostante un numero crescente di messaggi pubblicitari. Come nell’esempio dei biglietti di parcheggio Wrigley’s al gusto di menta (agenzia BBDO, Germania – 2011) che molti automobilisti sono abituati a tenere tra i denti mentre parcheggiano l’auto; o per il ristorante giapponese Original Shundi, che voleva distinguersi da una grande concorrenza locale. L’agenzia J3P Propaganda (Brasile – 2011) ha immaginato un attacco Shuriken con finte stelle – biglietti da visita affissi su più di 1.500 auto, in un raggio di 2 km intorno al ristorante. Il traffico è stato aumentato di quasi l’80% durante l’ora di pranzo nelle settimane successive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *