Fare il miglio in più per la sicurezza degli alimenti importati

Settembre 2020

Fare il miglio in più per la sicurezza degli alimenti importati

Cilantro: lo ami o lo odi?

I canadesi godono di un’ampia varietà di frutta e verdura fresca da tutto il mondo grazie ai paesi con climi più caldi che forniscono questi prodotti tutto l’anno. Nel caso del coriandolo fresco, noto anche come cilantro, gran parte di ciò che viene importato in Canada proviene dal Messico, la seconda fonte più grande di frutta e verdura fresca importata dal Canada dopo gli Stati Uniti.

Le verdure carnose sono spesso oggetto di richiami alimentari, quindi come fa la Canadian Food Inspection Agency (CFIA) a garantire che alimenti importati come il coriandolo siano sicuri per il consumo?

Questo è un articolo su come un piccolo team di esperti della CFIA ha lavorato con le autorità messicane per stabilire nuovi requisiti di importazione per questo verde a foglia (anche se polarizzante).

Priorità basate sul rischio

Nel 2016, la CFIA ha creato il Foreign Food Safety Program (FFS) per concentrarsi sugli alimenti importati, permettendo alla CFIA di impedire proattivamente che i prodotti non conformi entrino in Canada.

La CFIA non lavora da sola quando si tratta della sicurezza dei prodotti alimentari importati. L’Agenzia considera i dati e le informazioni di Health Canada e della Public Health Agency of Canada nel decidere quali prodotti dovrebbero essere sul suo radar.

Considera anche il volume delle importazioni da un paese, i tipi di prodotti importati, i requisiti normativi del Canada ai sensi del Canadian Food Safety Regulations (CFSR), la storia di non conformità, i richiami alimentari e i dati sui test ambientali.

Alla fine del 2016, il team Foreign Food Safety Systems ha ricevuto informazioni dal Messico sul loro sistema di sicurezza alimentare. Un elenco di prodotti tra cui frutta, verdura e verdure a foglia (come il cilantro) è stato sviluppato ed è diventato il fulcro di uno sforzo congiunto con le autorità messicane per garantire che i sistemi siano in atto in Messico per consentire a questi prodotti di soddisfare costantemente i requisiti canadesi di sicurezza alimentare.

La missione

Nel 2017, quattro esperti CFIA sono andati oltre – letteralmente – per fare il loro lavoro. Hanno viaggiato in sette stati messicani in 10 giorni per condurre valutazioni in loco di vari controlli di sicurezza alimentare per determinare se i requisiti canadesi erano soddisfatti. Le autorità messicane hanno anche avuto l’opportunità di conoscere i nuovi requisiti proposti dal Canada per la frutta fresca, gli ortaggi e le verdure a foglia sotto la CCSR.

Come parte della missione, il team della CFIA ha imparato di più sul Sistema per la riduzione dei rischi di contaminazione (SRRC) del Messico, sviluppato dal Servizio nazionale per la salute, la sicurezza e la qualità agroalimentare (SENASICA) degli Stati Uniti. Nell’ambito di questo programma volontario, i produttori e i confezionatori messicani di prodotti freschi devono soddisfare determinati requisiti per le buone pratiche agricole e la sicurezza alimentare.

Il successo delle missioni dipende da forti relazioni di lavoro con i partner commerciali del Canada. “I colleghi in Messico sono stati molto ricettivi, cooperativi e hanno adattato il nostro itinerario per assicurarsi che avessimo il quadro completo”, dice Valeriya Staykova, capo della missione CFIA. “Grazie a questo livello di impegno, sono stati in grado di sviluppare e implementare ulteriori misure di controllo preventivo, compreso il monitoraggio delle pratiche di sicurezza alimentare negli impianti di produzione primaria e di imballaggio. “

Missione compiuta

Al ritorno in Canada, il team della CFIA ha analizzato le informazioni ottenute durante la missione. Con il supporto dei colleghi in Messico, hanno emesso un rapporto finale di valutazione in loco.

Dopo ogni missione, il team dell’Agenzia per le importazioni alimentari utilizza i risultati della valutazione per analizzare ulteriormente il livello di sorveglianza degli alimenti esportati in Canada e per determinare se sono necessari ulteriori controlli sulle importazioni. Dopo la missione in Messico, la loro analisi ha portato a nuovi requisiti di importazione per il coriandolo fresco messicano (cilantro).

A partire da aprile 2019, il coriandolo fresco può essere esportato in Canada se i coltivatori e gli imballatori sono certificati dal governo messicano sotto il CRS.

Per l’industria messicana del coriandolo, questo significa che i loro prodotti possono essere esportati più facilmente in Canada. Con noi, puoi essere sicuro che la prossima volta che compri del coriandolo dal Messico, questo soddisferà i requisiti canadesi di sicurezza alimentare.

Passi successivi

Mentre COVID-19 ha limitato qualsiasi missione aggiuntiva a questo punto, sotto l’EASP, l’Agenzia continua a lavorare con altri paesi in due aree chiave:

  • Fornire supporto tecnico: Condividere le migliori pratiche e chiarire i requisiti canadesi per le importazioni
  • Condurre audit di stabilimenti stranieri: confermare che gli esportatori soddisfino i requisiti canadesi

Il FSEP è parte del più ampio approccio della CFIA alla gestione del rischio pre-frontaliero. Scoprite i piani dell’Agenzia per affrontare in modo proattivo i problemi di sicurezza alimentare prima che entrino in Canada.

Vi state chiedendo com’è lavorare nell’EASP? Nel 2018, Laurence Dionne-Wilson ha ricevuto il President’s National Award per il suo lavoro analitico e le missioni di coordinamento con i partner commerciali stranieri.

  • Vuoi altre storie come questa? Esplora cos’altro Chronicles 360 ha da offrire.
  • Ti piacerebbe fare un servizio su una delle nostre storie? Contatta i rapporti con i media CFIA per organizzare un’intervista con uno dei nostri esperti.
  • Hai un’idea di storia o un feedback da condividere? Contattaci!
  • Non perdere mai una storia. Iscriviti oggi a 360 Chronicles.
Data modificata: 2020-09-10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *