Forti nevicate: gli Stati Uniti nordorientali sorpresi dalla tempesta

Viaggi ridotti all’essenziale, aeroporti, scuole e centri di vaccinazione Covid chiusi: gli Stati Uniti nordorientali sono stati sorpresi da una tempesta di neve simile a una bufera lunedì.

AFPE

Pubblicato: 01.02.2021, 10:51 pm

Circa 50 cm di neve previsti a New York (Foto illustrazione).

Circa 50 cm di neve previsti a New York (Foto illustrazione).

KEYSTONE/AP/John Minchillo

Tagliare i viaggi all’essenziale, chiudere gli aeroporti, le scuole e i centri di vaccinazione Covid: una potente tempesta di neve simile a una bufera di neve ha colpito il nord-est degli Stati Uniti lunedì che potrebbe entrare negli annali delle più pesanti nevicate registrate a New York.

Da Washington a Boston, dalla Pennsylvania al Maine, decine di milioni di residenti erano stati messi in allerta per l’episodio nevoso accompagnato da raffiche fino a 80 mph. Alle 4 del pomeriggio, ora locale, il manto nevoso aveva raggiunto quasi 39 cm a Central Park, secondo il National Weather Service.

Continua dopo la pubblicità

All’inizio della sera, le precipitazioni erano in pausa a New York. Ma le previsioni prevedevano più neve martedì sulla regione del nord-est, con un altro piede previsto in alcuni luoghi e ancora condizioni di quasi-blizzard, il NWS ha twittato.

Lo stato di emergenza di New York City

Secondo i dati registrati dal 1869 in Central Park, uno strato totale di più di 50 cm sarebbe salito negli otto episodi più nevosi su record a New York. Il record risale al gennaio 2016, quando caddero quasi 70 cm in tre giorni. Alcuni hanno evocato la storica “grande bufera di neve” del marzo 1888: la città, colta di sorpresa all’inizio della primavera, aveva allora deplorato decine di morti e notevoli danni materiali.

In una capitale economica americana già rallentata dalla pandemia, il sindaco Bill de Blasio, ha dichiarato lo stato di emergenza locale per facilitare le manovre delle macchine di sgombero, onnipresenti sulle strade principali. Ha chiuso le scuole rimaste aperte nonostante la pandemia – per lo più asili e scuole elementari – fino a martedì, rimandando tutti gli studenti all’apprendimento online. Mentre molti impiegati lavorano da casa da mesi, agli otto milioni di residenti è stato chiesto di rimanere a casa.

I centri di vaccinazione Covid-19, che operano solo su appuntamento – molto difficile da ottenere per mancanza di vaccini sufficienti – sono stati anche chiusi fino a martedì compreso. “A questo ritmo di nevicate, gli spazzaneve non possono tenere il passo”, ha avvertito il governatore di New York Andrew Cuomo. La maggior parte dei treni pendolari che servono New York City e sezioni della metropolitana sopraelevata hanno smesso di funzionare nel pomeriggio. “Se non sei un lavoratore +essenziale, non dovresti essere là fuori”, ha aggiunto il governatore, avvertendo gli automobilisti che potrebbero rimanere bloccati su strade impraticabili.

Slowdown Congress

Anche il governatore del New Jersey Phil Murphy ha dichiarato lo stato di emergenza, dando alle autorità la possibilità di chiudere le strade, evacuare le case e inviare le attrezzature necessarie alla sicurezza pubblica. Sei grandi centri di vaccinazione rimarranno chiusi anche martedì. La situazione “peggiorerà prima di migliorare”, ha twittato il governatore.

Quasi tutti i voli da o per i tre aeroporti che servono la regione, John F. Kennedy, La Guardia e Newark, sono stati cancellati, ha detto uno dei loro funzionari, Rick Cotton. A Boston, dove la neve dovrebbe cadere nel tardo pomeriggio, la metà dei voli previsti per il decollo sono stati cancellati, secondo Flight Aware. In tutta la nazione, più di 1.600 voli erano stati cancellati a mezzogiorno di lunedì.

La capitale federale Washington, dove la neve era arrivata domenica, ha rimandato a martedì il ritorno a scuola previsto per lunedì per migliaia di studenti, dopo quasi un anno di pausa a causa della pandemia. Mentre democratici e repubblicani negoziavano su un nuovo pacchetto di stimolo economico, il Congresso era inattivo, e il presidente Joe Biden ha rinviato una visita programmata al Dipartimento di Stato.

Presumibilmente a causa dell’attività rallentata del coronavirus, non ci sono state segnalazioni immediate di incidenti gravi nelle metropoli colpite. Ma nel sobborgo della Pennsylvania di Wilkes-Barre, una coppia di 50 anni è stata colpita dal loro vicino dopo “un alterco sulla rimozione della neve” di fronte alla loro casa, il capo della polizia di Plains Township Dale Binker ha detto all’AFP. L’uomo armato si è sparato mentre la polizia arrivava per arrestarlo, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *