Gestione delle fistole enterocutanee postoperatorie nel reparto di chirurgia generale del CHU A Le Dantec.


Abstract

Lo scopo del nostro studio era di riportare la nostra esperienza nella gestione della fistola enterocutanea postoperatoria (PECF). Questo era uno studio retrospettivo che ha avuto luogo al CHU A Le Dantec durante 10 anni (2000- 2010). I criteri di inclusione sono stati i pazienti che si sono presentati con PO FEC durante il periodo dello studio. I parametri studiati sono stati i seguenti: il terreno, la procedura iniziale, le circostanze della scoperta, il tempo di insorgenza e le caratteristiche della POEC, l’evoluzione sotto trattamento medico, le indicazioni e i risultati del trattamento chirurgico. Venticinque pazienti con un’età media di 30 anni sono stati inclusi nello studio. C’erano 17 uomini e 8 donne con un rapporto tra i sessi di 2,1. Sei pazienti (24%) avevano almeno una storia di laparotomia. Sono stati notati sette casi di malnutrizione (28%). L’operazione iniziale ha riguardato l’intestino tenue nel 40% dei casi e il colon nel 32% dei casi; è stata eseguita in un contesto di emergenza in 17 pazienti (68%). Incidenti e difficoltà operative sono stati riportati in 7 pazienti (28%). Le circostanze della scoperta della fistola erano un flusso anomalo di liquido digestivo attraverso l’incisione nel 72% dei casi. Le fistole erano semiprecoci nel 56% dei casi; erano ilee in 13 casi (52%), e di basso flusso in 19 casi (76%). Sotto trattamento medico, 15 pazienti (60%) si sono evoluti verso la guarigione spontanea. Il trattamento chirurgico è stato indicato in 9 pazienti (36%) con un’evoluzione favorevole nel 66% dei casi. La mortalità complessiva è stata del 12% (n=3), a causa del fallimento multiviscerale. Nel nostro dipartimento, i PO FEC sono principalmente complicazioni del soggetto giovane, di tipo semi-precoce, invariabilmente di localizzazione ileale e colonica, con basso flusso e via laterale, che guariscono per lo più sotto trattamento medico in un tempo medio di 3 settimane. Il trattamento chirurgico è per lo più indicato di fronte alla sepsi intra-addominale che spiega la mortalità riportata.

Parole chiave: fistola enterocutanea, trattamento, chirurgia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *