I regolatori di New York considerano la BitLicense condizionale per le compagnie di criptovaluta

Il New York State Department of Financial Services (NYDFS) ha proposto la BitLicense condizionale per rendere più facile alle compagnie di criptovaluta condurre affari nello stato. Inoltre, il regolatore finanziario di New York ha pubblicato una nuova guida all’emissione di token.

Il regolatore finanziario di New York si rilassa con una BitLicense condizionale

In un comunicato stampa ufficiale di mercoledì 24 giugno 2020, NYDFS ha detto che sta considerando di fornire una BitLicense condizionale alle società di criptovaluta. Secondo il regolatore, la concessione di licenze condizionali ha lo scopo di incoraggiare le aziende di criptovaluta che vogliono fare affari nello stato.

Fairspin-deskFairspin-mobile

Dal suo inizio nel giugno 2015, il regolatore finanziario di New York ha concesso le sue BitLicenses a 25 società di criptovaluta, con Circle come primo destinatario. Tuttavia, a causa dei suoi severi requisiti, BitLicense è stato pesantemente criticato.

DFS sta cercando di rendere il trading di criptovalute più facile in cinque anni. Secondo il quadro, le aziende di criptovaluta con BitLicense condizionale possono cooperare con le aziende di criptovaluta con BitLicense effettiva.

Al fine di ottenere una BitLicense condizionale, il richiedente indicherà la sua intenzione di cooperare con la società di criptovaluta approvata BitLicense e procederà a redigere un accordo. Dopo di che, il richiedente presenta i documenti richiesti al DFS, e poi il DFS esamina i documenti. Se il DFS è soddisfatto della domanda, il regolatore concederà una BitLicense condizionata alla società di criptovaluta.

Mentre le aziende di criptovaluta possono operare nello stato sotto licenze condizionali, il DFS si aspetta che queste aziende “alla fine cerchino e ottengano una BitLicense completa”.

DFS ha anche chiesto un commento pubblico sulla proposta di BitLicense condizionata. Alcune domande per i regolatori da commentare includono:

“Quali tipi di servizi e supporto dovrebbero fornire le entità VC ai licenziatari condizionali, il cui obiettivo finale è quello di permettere ai licenziatari condizionali di ottenere regolarmente una BitLicense incondizionata dal DFS? Oltre al quadro proposto, quali altre opzioni può considerare il DFS? Come possiamo promuovere in modo sicuro ed efficace l’ingresso e lo sviluppo del mercato della valuta virtuale a New York? “

NYDFS permette alle aziende di criptovalute di autocertificare i nuovi token

Il regolatore finanziario di New York ha annunciato in precedenza i piani per rivedere la controversa BitLicense, notando che potrebbe ridurre la severità dei requisiti. La concessione di BitLicense condizionale può aiutare le piccole aziende di criptovaluta che attualmente non possono soddisfare lo standard completo di BitLicense. La scadenza per la presentazione degli avvisi è il 10 agosto 2020. Inoltre, il DFS può revocare la licenza condizionata della società BitLicense se lo ritiene necessario.

Secondo le nuove linee guida emesse dal regolatore finanziario di New York, oltre alla proposta di BitLicense condizionale, le criptovalute possono anche “autocertificare” i nuovi token. Le nuove linee guida sono proposte in conformità con le linee guida proposte emesse nel dicembre 2019.

Secondo le nuove linee guida, oltre ai token approvati dal DFS, le criptovalute desiderano elencare nuovi token. Inoltre, il processo di autocertificazione significa che le criptovalute monitoreranno i rischi, la supervisione e i modelli di business durante il processo di quotazione dei token. Tuttavia, i token per la privacy e i token progettati per aggirare i regolamenti non possono essere autocertificati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *