Il compleanno di Boogers e la selezione femminile di DJette Chloé

A Les Indisciplinées (Lorient) e Le Bebop (Le Mans), il team Sourdoreille ha parlato delle donne del nostro tempo con Chloé e ha festeggiato il compleanno di Boogers in una cucina. Ma non solo. Best-of di un weekend in occidente.

Per diversi festival, l’abbiamo inseguita, e finalmente l’abbiamo presa a Lorient. Artista elegante, discreta e riflessiva, DJette Chloé si fa strada da più di dieci anni, insieme ai suoi accoliti Jennifer Cardini e Ivan Smagghe, di Kill The DJ. Un universo oscuro e fragile.

Nel backstage degli Indiscipline, Chloé ci parla delle donne che apprezza. (Guarda il video)

Una barba ispida, un look da pirata gentile con le braccia agitate… Boogers è un tipo accattivante, con un accento inglese da far rabbrividire Didier Wampas. Rocker nichilista, Boogers (“booger” in inglese) è una delle cose migliori successe alla scena francese quest’anno.

Per festeggiare la sua trentacinquesima candela con lui durante il suo periodo al BeBop, gli abbiamo offerto una sessione di zaino in spalla nelle cucine del catering… (Guarda il video)

Piccolo principe di Tolosa che seguiamo da tempo, Mondkopf (“testa di luna” in tedesco) è una delle grandi speranze della techno made in France.

Ecco il singolo “Day of Anger”, che apparirà sul suo prossimo album (previsto nel 2011). Un’esclusiva Sourdoreille, questo brano non è mai stato filmato! (Guarda il video)

Continuiamo il nostro viaggio con una troupe di nordici guidata da un leader tanto barbuto quanto barbuto, che inevitabilmente ricorda I’m From Barcelona. Tuttavia, i finlandesi di Rubik sono molto più vicini ai loro finti vicini australiani di Architecture in Helsinki.

Lo hanno dimostrato a Lorient durante una delle loro prime date francesi. Una roccia sfaccettata, a volte fragile, a volte potente. Un’atmosfera che i sette ragazzi hanno cercato di ripristinare per Sourdoreille durante una sessione acustica molto silenziosa. (Guarda il video)

L’ultimo video del giorno: Gli Amplifetes, attualmente in pieno fermento sul web. Quattro ragazzi dalla Svezia, con un bel ragazzo barbuto come cantante, che gira i suoi testi al microfono con una voce come un vecchio orso. Senza dubbio uno dei migliori concerti del Bebop. (Guarda il video)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *