Impara a parlare la lingua dei Minions! [Foto]

Banana, Bello, Poopaye, Tikka massala… La lingua dei Minions non ha nulla da invidiare a nessuna lingua. Questo mercoledì 8 luglio, queste piccole creature gialle si emancipano. Gone is Gru. Kevin, Stuart e Bob partono per nuove avventure, e da soli!

Un mix di diverse lingue e parole inventate

Questi piccoli mostri vestiti con tute di jeans sono 100% made in France. Ma non è il caso del loro dialetto, che è composto da parole di vari paesi. Pierre Coffin, il loro creatore, ne è anche all’origine. “Ho iniziato a doppiarli dal primo Me, Ugly and Mean. Si trattava di parole senza senso (come Bee-Do Bee-Do che significa in fiamme), si poteva riconoscere qualche parola in mezzo a questa poltiglia.

Nel secondo film, ho avuto l’idea di mescolare parole indiane, italiane, spagnole…”, spiega ai nostri confratelli di Le Parisien, portando l’esempio di “Chiche kebab para tutti”.

Se non fosse che per lo spin off di Me, Ugly and Mean, Pierre Coffin è stato costretto a dare corpo alle loro stupidaggini. “Avevamo bisogno di un po’ più di vocabolario e di significato. Il linguaggio dei Minion è un misto di suoni dal francese, inglese, spagnolo e italiano. Ho iniziato a mescolare parole di origini diverse perché ho scoperto che i suoni italiani e spagnoli si adattano super bene al loro colore giallo!

C’è anche un po’ di indonesiano e un po’ di giapponese”, dice a Le Point.

40 versioni diverse

“E poi alcune parole inventate, naturalmente! Il modo in cui procedo tecnicamente è che mi registro al rallentatore e poi mi rimetto alla velocità reale – che poi sembra accelerata. È tutta una questione di melodia dei suoni: si capisce istintivamente”, dice. E ha aggiunto a Télérama: “I cognomi di alcuni membri della mia squadra… E anche il menu di un ristorante indiano: ho pensato che Tikka massala suonasse bene, e poi tutto il menu è andato lì! Avevo solo un vincolo: che tutto suonasse bene, come un vero e proprio idioma strano”.

La ciliegina sulla torta, Pierre Coffin, che si occupa di tutte le voci, ha dovuto adattarsi a seconda dei paesi in cui il film viene trasmesso. “Ho dovuto registrare le voci in 40 lingue diverse, perché alcune parole pronunciate possono costituire un insulto o avere connotazioni specifiche in certi paesi”, conclude sulle colonne di Le Parisien. E per fare qualche esempio:

Bello = Ciao

Bananonina = Brutta

Tatata bala tu = Ti odio

Tank yu = Grazie

Bee do bee do = Fuoco

Hana Baboi = Un giocattolo

Dul Bables Para tu = Due mele per te

Tulaliloo ti amo = Ti amo

Butt = Culo

Me want bananaaa = Ho fame

Gelato = Gelato

Poopaye = Addio.Arrivederci

Iscriviti alla Newsletter di Telestar.

it per ricevere gratuitamente le ultime notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *