Incidente MSC Opera a Venezia: cosaè successo


Fuori controllo, la nave da crociera ha causato il panico ieri a Venezia e ha lasciato quattro persone leggermente ferite.

Le immagini stanno girando da ieri. Soffrendo di un guasto al motore, la MSC Opera, che può trasportare fino a 2.680 passeggeri e stava navigando sul Canale della Giudecca, ha colpito una banchina e poi una barca turistica mentre cercava di attraccare.

Un video amatoriale postato su Twitter mostra i turisti a terra che scappano dal transatlantico di 275 metri e 13 ponti mentre raschia la banchina con i motori rombanti.

“Quando abbiamo visto la nave avvicinarsi a noi, tutti hanno iniziato a urlare e a correre”, ha detto un marinaio sulla nave turistica River Countess, che è stata colpita dalla MSC Opera, citato dai media italiani.

Secondo le autorità portuali, l’incidente, avvenuto a San Basilio-Zatterre, ha lasciato quattro persone a bordo della River Countess con ferite minori. Sono turisti, di età compresa tra i 67 e i 72 anni, provenienti da Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti.

“La nave MSC ha avuto un guasto al motore, che è stato immediatamente segnalato al capitano”, ha detto ai media italiani Davide Calderan, capo della compagnia di rimorchiatori incaricata di scortare la nave al suo attracco. “Il motore è stato bloccato con il controllo della spinta, perché la velocità stava aumentando”, ha aggiunto.

Un guasto elettrico nel 2011

I due rimorchiatori incaricati di guidare la nave attraverso il canale hanno cercato di rallentarla ma una delle catene che li collegava alla nave gigante è saltata sotto pressione, ha detto Davide Calderan.

Questo non è il primo problema incontrato dalla MSC Opera, che ha subito un guasto elettrico nel maggio 2011 nel Mar Baltico e ha dovuto sbarcare i suoi 1.800 passeggeri a Stoccolma.

Contattata, la direzione della MSC Crociere non ha ancora risposto alla nostra richiesta di dettagli sulle circostanze dell’incidente di ieri a Venezia e sulla ripresa delle operazioni della nave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *