Infertility (Italiano)

Questo bellissimo articolo è tradotto dall’inglese “Desperately Seeking a Black Sperm Donor” da parenting..nytimes.com

Due mamme speranzose stanno cercando un donatore di sperma di origine africana e stanno trovando poco da fare.

Nikki ed io abbiamo fatto una cosa spesso considerata troppo bella per essere vera. Ci siamo incontrati in un nightclub umido, buio e rumoroso a West Hollywood durante il weekend del Los Angeles Pride 2014; è stato amore a prima vista.

Image Credit – Aubrey Trinnaman for The New York Times

Nikki ed io abbiamo fatto qualcosa che spesso è considerato troppo bello per essere vero. Ci siamo incontrati in un nightclub umido, buio e rumoroso a West Hollywood durante il Los Angeles Pride weekend 2014; è stato amore a prima vista.

Nel 2018, ci siamo sposati e abbiamo comprato una casa nella stessa settimana. Ma il nostro sogno non sarebbe completo senza un altro miracolo: la maternità. La raccomandazione medica è per le donne di avere figli entro i 35 anni, quindi abbiamo deciso che Nikki avrebbe dovuto partorire per prima, dato che lei ha 33 anni e io 28. Ma come molte persone che cercano un aiuto per la fertilità, non avevamo idea di quanto sarebbe stato difficile trovare il perfetto donatore di sperma, per non parlare di uno di colore.

Nikki è un’estroversa che lavora come senior global partnership manager per una società high-tech. Se il suo sorriso perfetto e i suoi grandi capelli non ti fanno impazzire, il suo ottimismo e la sua ambizione ti faranno fare il giro dell’universo e ritorno. Nikki mi descriverebbe come un introverso super creativo e orientato alle soluzioni. Sono la persona da cui tutti vanno, ma non sono riuscito a trovare un donatore di sperma che soddisfacesse le nostre esigenze.

B.A. Williams (a sinistra) e sua moglie Nikki Williams sono entusiasti di creare una famiglia e hanno iniziato a cercare il giusto donatore di sperma l'anno scorso.

B.A. Williams (a sinistra) e sua moglie Nikki Williams sono entusiasti di iniziare una famiglia e hanno iniziato la caccia al giusto donatore di sperma l’anno scorso. Image Credit – Aubrey Trinnaman for The New York Times

Anche prima di iniziare a cercare, avevo l’impressione che ci fosse un numero limitato di donatori neri. Forse è perché non conosco nessun donatore nero. Forse perché comprare lo sperma o concepire un bambino in quel modo non è considerato una “cosa da neri”. Anche se le banche del seme private non sono tenute a condividere pubblicamente l’etnia dei loro donatori, al momento in cui abbiamo iniziato la nostra ricerca, abbiamo scoperto che il numero di donatori neri era insignificante.

Di seguito una conversazione tra me e Nikki sull’inizio del nostro viaggio verso la maternità. È stato condensato e modificato per chiarezza.

Nikki: Ho cercato una banca del seme gay-friendly, perché pensavo che le banche del seme funzionassero come la maggior parte delle istituzioni o aziende.

B.A. Come funziona la maggior parte delle istituzioni? Stai dicendo che ti aspettavi che le banche del seme fossero meno disposte ad aiutare i clienti che non erano bianchi, eterosessuali e sposati?

Nikki: Sì, potenzialmente. Così, ho sentito che dovevo specificare le banche del seme gay-friendly. Mi sono imbattuto in un blog che elencava circa 10 banche del seme con informazioni di contatto per ogni banca, e ragioni poco chiare per scegliere questa o quella banca e come hanno accolto le famiglie LGBTQAI+. La banca su cui alla fine ci siamo accordati offriva test genetici e dati completi, e il sito web aveva un piccolo cuore arcobaleno che confermava il suo sostegno alle famiglie come la nostra.

I criteri di B.A. e Nikki per il loro donatore di sperma, che doveva essere nero e soddisfare determinati requisiti di salute, significava un piccolo pool da cui scegliere. Image Credit – Aubrey Trinnaman for The New York Times

B.A. Sì, era molto importante. Mi ricordo che mi hai mostrato quel blog. Ed ero curioso di vedere anche tutte le altre banche elencate. Volevo assicurarmi di aver esaurito tutte le possibilità. Così abbiamo cliccato su ogni link. Eravamo entrambi scoraggiati e confusi con molte delle interfacce. Le loro funzioni di ricerca non erano facili da usare. Non sembravano diversi. Ma, onestamente, la cosa più importante per noi era che la banca che abbiamo scelto aveva il maggior numero di donatori neri di qualsiasi altra banca che abbiamo guardato nel dicembre 2018, 23 su 450.

Nikki: E così facciamo una ricerca regolare di donatori di origine africana. Nemmeno una ricerca avanzata.

B.A. Possiamo parlare del processo di accesso a queste informazioni?

Nikki: C’erano tre diversi tipi di piani. Entrambi volevamo quante più informazioni possibili. Così, abbiamo pagato 300 dollari per il tipo di account che ci avrebbe dato tre mesi di accesso completo. Questo tipo di resoconto includeva una registrazione audio di un’intervista di 15 minuti con il donatore, le prime impressioni dello staff, foto, test genetici, informazioni complete sulla salute della famiglia del donatore e un test di personalità/comportamento.

B.A. (Moglie): Una volta che abbiamo avuto accesso a tutti i profili dei donatori, abbiamo dovuto fare il test per il CMV (una comune infezione virale passata da madre a figlio durante la gravidanza che può causare alcuni difetti alla nascita, anche se i sintomi sono rari) e l’anemia falciforme per restringere meglio la nostra ricerca.

Nikki: Quando ho visto le opzioni per il test CMV-positivo o CMV-negativo, è stato allora che ho capito che gli esami del sangue erano importanti. Così ho avuto i miei risultati ed erano negativi per l’anemia e il CMV. Il CMV negativo ha davvero danneggiato le nostre opzioni di donatore. Apparentemente il CMV è un patogeno comune e una grande parte della popolazione generale è positiva. Così, siccome ero negativa ed era meglio per me stare con un donatore CMV-negativo per evitare qualsiasi problema durante la gravidanza, il nostro numero di donatori è passato da 23 a 4.

B.A. (Moglie):

Quando abbiamo ottenuto quel negativo, sono tornata su altri siti donatori per confrontare. Forse quegli altri siti avevano più donatori neri negativi al CMV. Ma non l’hanno fatto, quindi siamo rimasti con la nostra scelta originale. Ho avuto una reazione sorprendente: sentivo che ora dovevamo essere d’accordo perché vogliamo essere madri più di ogni altra cosa. E onestamente, era tutto radicato nella superficialità. Non ero fisicamente attratto da nessuno dei quattro donatori. Quindi non era giusto che uno di loro fosse il donatore. Voglio dire, devo sceglierti e sei bellissima.

Nikki: Sono stato colpito dalla tua delusione. Speravo che non avrebbe influenzato il nostro viaggio “bambino”. Ma so che eri più preoccupato per la salute del nostro bambino.

B.A. Ecco perché abbiamo scelto il donatore. Quello che era perfettamente sano rispetto alle altre tre opzioni.

Nikki: Ma volevo comunque che tu avessi la migliore esperienza possibile. E tu ti sei preoccupato più di me dell’attrattiva del donatore.

B.A. E questo è il mio problema nella vita. Sono molto interessato all’estetica e alle apparenze. Lo possiedo. Sono superficiale. Ci sto lavorando. Devo precisare, tuttavia, che il nostro donatore non è poco attraente. Semplicemente non è il mio tipo.

Nikki: Ed è O.K. Ho capito.

B.A. (Moglie): Bene, questo mi porta ai nostri amici maschi neri che si sono offerti di donare gratuitamente e perché ci amano, ma anche perché ora capiscono l’offerta limitata di sperma nero. Ma eri preoccupato quando ero così preso dal loro contributo. Perché eri contrario?

Nikki: Tutti gli uomini che volevano donare sono amici che abbiamo nella nostra vita. Non voglio altri co-genitori oltre a voi. Quindi, anche se rinunciano ai loro diritti di genitori, so che potrebbero cambiare idea. Non voglio avere a che fare con l’agitazione emotiva che ne deriva. … Inoltre, abbiamo tutte queste informazioni sulla salute (dalla banca del seme). Questa era la chiave.

“Quando si aggiunge tutta la frustrazione di non avere abbastanza opzioni, il tumulto emotivo, la sensazione di accontentarsi, in cima al costo, è così difficile non portarlo nella gravidanza”, ha detto B.A. Image Credit – Aubrey Trinnaman for The New York Times

B.A. (sua moglie): Sì, e così, a parte tutto il resto, il donatore che abbiamo scelto era perfetto perché tutto il suo albero genealogico era sano.

Nikki: Non possiamo dimenticare nella sua intervista che ha detto che ciò che lo ha ispirato a donare sono stati i suoi amici che volevano sperma nero, ma c’erano poche scelte. Sto parlando di intenzioni, lo sai.

B.A. (sua moglie): È stato enorme anche per me. La sua disponibilità a donare per aiutare famiglie come la nostra mi ha davvero scaldato il cuore. Abbiamo fatto tutto questo per essere sicuri di avere un donatore nero. Cosa risponde alle persone che chiedono: “Perché non scegliere un’altra etnia?”

Nikki: Non sarei in grado di sostenere abbastanza l’altra cultura di nostro figlio, e questo non è giusto.

B.A. (sua moglie): È importante anche avere figli neri che capiscano che essere neri è bello. Conosco troppe persone che credono che il nero in sé non sia bello o sufficiente. Questo non è vero.

Nikki: Sono d’accordo. Vogliamo che i nostri futuri figli amino ciò che sono. Siamo entrambi neri e vogliamo che i nostri figli riflettano il nostro corredo genetico.

B.A. Esattamente. Questo è stato un altro problema che ho avuto inizialmente perché il nostro donatore non è scuro come me. Amo il colore della mia pelle e della tua, e speravo che nostro figlio ci assomigliasse il più possibile.

Nikki: Sì, ha senso.

B.A. (Moglie): Comunque, cosa pensiamo dell’intero processo:

Nikki: È tutto così bello, ma siamo realistici. È costato un bel po’ di soldi. Oltre ai 300 dollari di accesso e ai 1.045 dollari per il campione, volevano addebitare altri 300 dollari per la spedizione prioritaria del giorno successivo a casa nostra. Abbiamo evitato i 300 dollari perché li abbiamo fatti spedire a una delle agenzie e li abbiamo ritirati. Ma il solo esemplare costa quasi 1.400 dollari.

B.A. (sua moglie):

Quando si aggiunge tutta la frustrazione di non avere abbastanza opzioni, l’agitazione emotiva, la sensazione di accontentarsi, in cima al costo, è così difficile non portare questo nella gravidanza. È così importante pensare alla fisicità del vostro nascituro durante tutto il processo, immaginare il volto del bambino, il ritmo del suo respiro, la curva del suo labbro superiore, dal momento in cui comprate la fiala. Se non hai questa evoluzione sensoriale del tuo piccolo essere nella tua testa, tutto questo processo può buttarti giù.

Nota del redattore: Questo è il primo di una serie di articoli dopo il viaggio del bambino di B.A. e Nikki. Leggi il secondo articolo sulla terapia di coppia e l’inseminazione intrauterina (IUI) e il terzo articolo sulla fertilità assistita.

B.A. Williams è uno scrittore e curatore di musei con sede a Los Angeles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *