Introduzione alla sufficienza dei dati per il GMAT

GMAT Data Sufficiency

Quando iniziate a studiare la parte matematica del GMAT, vi imbatterete in alcune strane domande sulla sufficienza dei dati. Prima di buttarsi, è importante capire in cosa consistono e come rispondere!

Ecco una tipica domanda di sufficienza dei dati:

Se x è inferiore a 3, allora qual è il valore di x? <———- Domanda iniziale. Di solito, vengono anche fornite informazioni aggiuntive che possono aiutare a risolvere il problema.

1. x è un numero primo. <————————————- Asserzione 1.

2. x + 3 = il più grande fattore primo di 30. <————— Asserzione 2.

Quello che le domande sulla sufficienza dei dati chiedono è se le informazioni fornite nelle asserzioni dichiarate sono sufficienti per rispondere alla domanda iniziale. Rispondi sì se puoi dare un numero esatto, o no se è impossibile.

In questo caso particolare, cominciamo con l’affermazione 1. Se x è un numero primo, possiamo conoscere il suo valore? Guarda caso, sì, perché nella domanda originale si dice che x < 3. Poiché il più piccolo numero primo è 2 (il successivo è 3) e x è minore di 3, possiamo affermare che x = 2. E poiché possiamo dare il valore di x, l’asserzione 1 è sufficiente. Se si fosse scoperto che x potrebbe essere uguale a 2 o a qualche altro numero, l’asserzione non sarebbe stata sufficiente.

Guardiamo ora l’asserzione 2. Per prima cosa, dobbiamo sapere cos’è un fattore primo. Se non lo sai, non preoccuparti: qualsiasi guida strategica o corso GMAT te lo spiegherà.

Per ora, basta sapere che i fattori primi di 30 sono 2, 3 e 5. Quindi il più grande fattore primo di 30 è 5.

L’affermazione 2 dice che x + 3 è uguale al più grande fattore primo di 30. Quindi possiamo aggiungere la nostra nuova informazione e dire che:

x + 3 = 5. Pertanto, x deve essere uguale a 2, e anche questa affermazione è sufficiente.

Ora passiamo alle risposte proposte:

A) L’affermazione 1 è sufficiente per rispondere alla domanda posta, ma l’affermazione 2 no.

B) L’affermazione 2 è sufficiente per rispondere alla domanda posta, ma l’affermazione 1 no.

C) Entrambe le affermazioni insieme sono sufficienti per rispondere alla domanda posta, ma né l’affermazione 1 né l’affermazione 2 da sole sono sufficienti.

D) Ogni affermazione da sola è sufficiente per rispondere alla domanda posta.

E) Entrambe le affermazioni non sono sufficienti per rispondere alla domanda posta; sono necessarie ulteriori informazioni.

Abbiamo già dedotto che ogni affermazione è individualmente sufficiente, quindi la risposta corretta è D.

Se l’asserzione 1 fosse stata sufficiente ma l’asserzione 2 no, allora la risposta corretta sarebbe stata A.

Se l’asserzione 2 fosse stata sufficiente ma l’asserzione 1 no, allora la risposta corretta sarebbe stata B.

A volte, le informazioni fornite in entrambe le asserzioni sono necessarie per rispondere alla domanda. Per esempio, se la domanda fosse:

x = ?

1) x è un numero pari.

2) x è un numero primo.

Secondo l’affermazione 1, il valore di x potrebbe essere 2, 4, 6, ecc. Secondo l’affermazione 2, il valore di x potrebbe essere 2, 3, 5, 7, 11, ecc. Poiché ogni affermazione dà diversi valori possibili per x, nessuno di essi è individualmente sufficiente. Tuttavia, combinandoli, possiamo affermare che x = 2. In questo caso, la risposta corretta è C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *