La carta di credito: la conosci?

La carta di credito è un oggetto che fa parte della nostra vita quotidiana da molti anni. Ma pochi lo sanno davvero. Per chi vuole capire i pagamenti, è importante avere familiarità con questo mezzo, il fondamento su cui si basa l’electronic banking. Questo è lo scopo di questo articolo. Tutto ciò che si trova sul fronte e sul retro di una carta bancaria sarà presentato in dettaglio.

Il fronte di una carta bancaria

Recto di una carta bancaria con la descrizione di tutti gli elementi'une carte bancaire avec la description de tous les éléments
Come si può vedere nell’immagine sopra, il fronte della carta contiene molte informazioni. Li esamineremo uno per uno.

Logo dell’emittente

Questo è il logo dell’istituzione finanziaria che ha emesso la carta di credito. Molto spesso, l’emittente ci mette il suo nome e logo. In Francia, il cobranding (il termine francese comarquage è molto poco usato) è permesso dal 2007. Questa pratica consiste nel mettere due marche diverse sul fronte della stessa carta. Uno dei marchi è quello della banca emittente. L’altro marchio è quello di una società, di solito non finanziaria. Sul mercato oggi, si possono trovare carte co-branded con loghi di aziende di vari settori come la musica o il calcio. È possibile avere solo il logo dell’azienda e non quello dell’emittente sulla carta (Esempio: la carta CB di Total è emessa da Sofinco e Total, ma il logo Sofinco non appare su di essa).

Chip

Il chip è un circuito integrato che consiste in un microprocessore e una memoria. La memoria della scheda è divisa in due parti: una parte di lettura pubblica e una parte di lettura nascosta. La parte pubblica contiene i dati classici (nome, cognome, numero di carta, ecc.) in forma chiara e criptata. La parte illeggibile contiene la chiave privata della carta che è teoricamente impossibile da accedere. Solo la carta può leggerla. Il microprocessore permette la crittografia quando è necessario.

Il chip è un elemento chiave della sicurezza della carta come vedremo più avanti. L’aumento della capacità di calcolo e di immagazzinamento del chip ha reso possibile immagazzinare più informazioni e programmi su di esso. In Francia, tutte le carte bancarie CB emesse sono dotate di un chip fabbricato secondo lo standard Europay Mastercard Visa (EMV), lo standard internazionale di sicurezza per le carte di pagamento. Oggi, alcuni chip possono essere attivati con o senza contatto per una transazione.

Una nota sulle seguenti tre informazioni: Il numero della carta, il nome del titolare e la data di scadenza sono impressi sulla carta con una tecnica chiamata embossing. Questo processo attuato alla genesi della carta bancaria è stato inizialmente pensato per permettere ai commercianti, che usavano una scarpa (ferro in linguaggio colloquiale) per le transazioni con carta, di recuperare facilmente le informazioni e memorizzarle con precisione.

Numero della carta

Il numero della carta è il suo identificatore unico, ma non solo. È un numero strutturato secondo lo standard ISO/IEC 7812, che si scompone come segue:

  • Le prime sei cifre sono il numero dell’emittente. Precedentemente chiamati BIN, Bank Identification Number in inglese, sono ora chiamati IIN per Issuer Identification Number. Questo indica che l’emissione di carte non è più appannaggio esclusivo delle banche. La prima cifra identifica il tipo di carta: 3 per le carte American Express, 4 per le carte Visa, 5 per le carte Mastercard.
  • Le cifre seguenti (da 9 a 12 cifre) sono l’identificatore della carta presso l’emittente e sono assegnate dall’emittente stesso. Le banche francesi usano esattamente 9 cifre come identificatore nella grande maggioranza dei casi.
  • Infine, l’ultima cifra è una chiave di controllo per verificare che il numero della carta sia conforme allo standard. Questa chiave di controllo è calcolata secondo la formula di Luhn.

Tutte le carte bancarie francesi sono identificate da un numero di carta composto da 16 cifre e presentato in 4 gruppi di 4 cifre.

Nome del titolare

Questo è il nome del titolare della carta che può essere una persona giuridica o una persona fisica. Se si tratta di una persona giuridica, allora è il nome della società che apparirà in quel posto. E se si tratta di una persona fisica, allora è il nome della persona che sarà segnato lì. Per le imprese, il titolare della carta non è il portatore.

Data di scadenza

La data di scadenza è nella forma seguente: MM/AA. Consiste nel mese e nell’anno fino al quale la carta è valida. Il giorno non è mai indicato sulle carte, ma è sempre l’ultimo giorno del mese.

Se si legge 04/15, significa che la carta è valida fino al 30 aprile 2015. Il 30 aprile può cadere di domenica o in un giorno festivo, non importa, una transazione può essere fatta quel giorno con la carta.

Le carte fisiche hanno un periodo di validità che varia tra 2 e 3 anni. Il rinnovo è principalmente per ragioni di sicurezza e per l’obsolescenza della carta. Qualche settimana prima della fine della validità, il titolare della carta riceve una nuova carta con un nuovo numero, ma una data di scadenza tra due o tre anni.

Logo di accettazione della carta “CB”

Questo è il logo della rete di accettazione “CB”, che è specifica della Francia. “CB” è gestito dal Groupement des Cartes Bancaires CB la cui missione principale è quella di assicurare “l’interbancarietà” delle carte di pagamento in Francia. Le transazioni effettuate in Francia con tutte le carte bancarie che portano questo logo sono scambiate sulla rete francese “CB”. Se una carta porta un altro logo di accettazione oltre a questo, VISA o MasterCard per esempio, la transazione sarà sempre scambiata sulla rete “CB” se avviene in Francia. È importante fare una chiara distinzione tra la rete “CB” e le altre reti di accettazione internazionali.

Logo di accettazione Visa

Questo è il logo della rete di accettazione Visa, una rete internazionale che vanta più di 24 milioni di punti di accettazione in oltre 170 paesi. Questo logo dice al titolare della carta che può usare la sua carta in tutti i commercianti che accettano carte visa all’estero. La carta presentata sopra può quindi essere utilizzata per pagamenti e prelievi in Francia e all’estero. MasterCard è l’altra rete internazionale di carte (con più di 33 milioni di punti di accettazione al momento di scrivere) che si trova sulle carte emesse dalle banche. A seconda della regione del mondo, è più facile trovare punti di accettazione per una o l’altra rete. Entrambi i marchi Visa e MasterCard sono stati creati negli Stati Uniti ed esportati in tutto il mondo.

Ologramma

L’ologramma sul fronte della carta ha il solo scopo di renderla a prova di falsificazione. È un’immagine riflettente mutevole con un effetto 3D che è quasi impossibile da riprodurre. Ha quindi la stessa funzione degli ologrammi che si trovano sulle banconote.

L’ologramma sulle carte Visa è una colomba che sembra volare quando la carta viene inclinata. Quello delle carte MasterCard è costituito da due globi che rappresentano il mondo. È tridimensionale con una ripetizione di “MasterCard” stampata sullo sfondo. Altri elementi, invisibili a occhio nudo, appaiono quando le carte sono poste sotto la luce ultravioletta. Una “V” e una “MC” stampate con inchiostro ultravioletto sono visibili sugli ologrammi Visa e MasterCard rispettivamente. Infine, questi ologrammi riflettono la luce e sembrano muoversi quando vengono ruotati.

Nota: Su alcune carte, l’ologramma è sul retro e non sul fronte.

Logo del marchio Carte Bleue

Carte Bleue è il marchio del gruppo Carte Bleue la cui responsabilità è di gestire il gateway tra la rete nazionale francese CB e la rete Visa. Nel 2010, il gruppo Carte Bleue è stato acquisito da Visa Europe. Questo ha portato alla creazione del marchio Carte Bleue Visa . Questo spiega anche perché non si può avere il logo MasterCard Carte Bleue su una carta.

Quando il solo marchio Carte Bleue appariva su una carta, allora poteva essere usato solo in Francia. Groupe Carte bleue era stato creato per gestire il marchio omonimo e il gateway tra le reti CB e Visa. Le istituzioni finanziarie e le banche hanno lavorato a stretto contatto con questo gruppo nella fase di progettazione delle carte di pagamento. Questo gruppo era responsabile dell’adattamento dei programmi Visa alla clientela delle banche. E offriva ai suoi clienti servizi di marketing e supporto alle vendite per la gamma Carte Bleue, gestione e promozione del marchio Carte Bleue e sviluppo di nuovi prodotti e servizi.

Dopo l’acquisizione del gruppo Carte Bleue da parte di Visa, c’è stato un importante cambiamento di strategia: l’emissione diretta di carte utilizzabili in Francia e a livello internazionale con il marchio Carte Bleue Visa. Le carte blu nazionali non sono più commercializzate.

Il retro di una carta bancaria

Il retro della carta bancaria

Vediamo una per una le informazioni visibili sul retro della carta bancaria.

Banda magnetica

La banda magnetica memorizza le informazioni sulla carta e l’identità del titolare visibili sul fronte e il PIN in forma criptata o codificata. La sicurezza di queste informazioni è abbastanza limitata, dato che non sono protette né in scrittura né in lettura.

Se questo è il caso, allora perché continuiamo a fare carte con una banda magnetica? La ragione è semplice. La banda magnetica permette di utilizzare la carta nei paesi in cui il chip non è utilizzato (e ce ne sono ancora parecchi). In casi molto rari e per piccoli importi, la banda magnetica può essere usata per motivi di velocità, come i pedaggi autostradali.

Nota: La norma ISO 7811 / parte 2 definisce le regole per l’implementazione e l’uso della banda magnetica.

Crittogramma visivo

Sono le ultime 3 cifre che appaiono sul pannello della firma. L’insieme di cifre il cui crittogramma è generato da strumenti crittografici della banca emittente. Il crittogramma visivo è richiesto per pagare a distanza via internet o telefono.

Pannello firma

Il titolare della carta deve apporre la sua firma sul pannello previsto a questo scopo. Nel caso di pagamento con l’uso della banda magnetica, la firma verifica l’identità del titolare della carta confrontando quella sul pannello con la sua o con una firma su un documento d’identità. Se il chip è usato insieme al PIN, la verifica della firma non è necessaria. Quindi la firma non è necessaria perché la carta funzioni in Francia.

Indirizzo dell’emittente

Questo è l’indirizzo a cui l’emittente vuole che la carta venga restituita se viene ritrovata in seguito a smarrimento, furto, fine della validità… insomma se qualcuno trova la carta e vuole restituirla al suo proprietario.

Logo Monéo

Monéo è il logo francese della borsa elettronica (PME). Questo logo indica che il chip svolge funzioni di portafoglio elettronico. Si può “trasferire” denaro al chip tramite un dispositivo adatto e poi usarlo per pagare piccole banconote presso i commercianti o i distributori automatici che accettano Monéo. Uno o più articoli successivi saranno interamente dedicati alla PMI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *