La morte di Jason Corbett: Molly Martens di nuovo in tribunale per la sentenza sulla tenuta di famiglia

Un giudice ci ha concesso una sospensione su una decisione che una donna accusata di aver ucciso il marito deve restituire tutte le proprietà della casa in North Carolina che ha condiviso con lui.

Molly Martens Corbett e suo padre Thomas sono stati accusati di omicidio di secondo grado e omicidio volontario per la morte dell’uomo di Limerick Jason Corbett nell’agosto 2015.

Un giudice della Corte Superiore della Contea di Davidson ha concesso la sospensione in una decisione del cancelliere di marzo nella questione patrimoniale dopo aver ascoltato gli avvocati dell’imputato.

Il mese scorso, il cancelliere della Corte Superiore della Contea di Davidson Brian Shipwash ha ordinato che Molly Corbett restituisse tutti i beni personali tangibili presi dalla casa il 21 gennaio 2016. All’epoca, il cancelliere ha permesso alla Corbett di tenere alcuni oggetti, tra cui i suoi vestiti, gli articoli da bagno, due lampade del soggiorno, due dipinti, un letto e la molla del box.

Walter Holton, un avvocato di Molly Corbett, ha detto che pensava che la decisione del giudice Mark Klass fosse “una cosa giusta ed equa da fare per stabilizzare la situazione”.

La decisione di Klass di rimanere significa essenzialmente che l’ordine di Shipwash non sarà applicato in questo momento. Attualmente c’è un appello all’ordine che sta passando attraverso i tribunali, ma non è stata fissata una data di udienza.

Shipwash ha affermato che Corbett ha violato un ordine di consenso rimuovendo la proprietà dalla casa che aveva precedentemente condiviso con suo marito. Le ha ordinato di pagare tutte le spese processuali dovute alla presunta violazione.

Come parte della sospensione, Klass ha ordinato che 600.000 dollari in fondi siano tenuti dal Davidson County Clerk of Court’s Office. Quei fondi, che secondo le osservazioni dell’aula provengono da una polizza di assicurazione sulla vita, erano in un conto fiduciario.

” (Klass) inoltre ha ordinato che un’automobile che era oggetto dell’ordine precedente sia venduta e quei fondi (messi) nel cancelliere della corte pure,” Holton ha detto.

Shipwash aveva precedentemente ordinato che tutti i beni, compresi tutti i proventi dell’assicurazione, fossero girati alla corte e fossero tenuti dal tribunale fino a quando la corte o altri tribunali con giurisdizione avessero ordinato diversamente.

Corbett e suo padre sono accusati nella morte del 2 agosto 2015 del marito nella loro casa di Panther Creek Court. Gli investigatori hanno trovato il suo corpo nella camera da letto principale al livello principale della casa.

Una richiesta di mandato di perquisizione ha dichiarato che agli investigatori è stato detto, attraverso interviste iniziali, che Jason Corbett stava soffocando Molly Corbett all’interno della camera da letto principale.

Secondo i documenti del tribunale, Thomas e Sharon Martens erano in visita dalla loro casa a Knoxville, Tennessee, e stavano in una stanza degli ospiti. Si dice che Thomas Martens sia stato svegliato da un disturbo. Secondo la richiesta del mandato di perquisizione, è andato nella camera da letto principale ed è intervenuto con l’uso di una mazza da baseball in alluminio, colpendo suo genero alla testa, mentre Sharon Martens è rimasta nel seminterrato finito.

La chiamata al 911 fatta in seguito all’incidente è stata rilasciata dalle autorità americane. Si sente Martens – un ex agente dell’FBI – dire all’operatore che ha colpito il genero alla testa con una mazza da baseball.

“Il marito di mia figlia… mio genero… ha litigato con mia figlia. Sono intervenuto e penso che sia in cattive condizioni. Abbiamo bisogno di aiuto”, ha detto.

Sanguina dappertutto e potrei averlo ucciso. L’ho colpito alla testa…

Un’autopsia ha indicato che Jason Corbett è morto per un trauma contundente causato da una mazza da baseball e da una pietra da giardino.

Intanto, gli avvocati di Molly Martens e suo padre hanno parlato a Good Morning America, dicendo che i loro clienti non sono colpevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *