La nostra selezione di nomi polacchi

Nomi polacchi femminili

Anna

Il nome Anna deriva dal greco “hannâ” o “hannah” che si traduce in “pieno di grazia” o “grazioso”. Quelli di Anna si celebrano il 26 luglio. Anna Jagiellonka, nata nel 1523 e morta nel 1596, fu regina di Polonia dal 1575 al 1586. Era la figlia del re polacco Sigismondo I il Vecchio, e la moglie di Stefano Báthory. Più recentemente, citiamo Anna Elżbieta Zalewska, nata a Świebodzice il 6 luglio 1965, politico polacco e Anna Maria Streżyńska, nata l’11 maggio 1967, avvocato e politico polacco. Infine, non dimentichiamo Anna Karenina (russo Анна Каренина) un romanzo di Leo Tolstoj pubblicato nel 1877 a puntate su Il Messaggero Russo.
Popolarità del nome Anna: è apparso in Polonia nel X secolo. Popolare in tutti gli strati sociali della Polonia, Hanna è l’equivalente del nome Anne, Aneta e Anita che sono varianti di esso. In Francia e secondo l’Insee, il nome Anna è stato dato 104.524 volte tra il 1900 e il 2015.

Barbara

Il nome Barbara deriva dal greco “barbaros” o dal latino “barbari” che significa stranieri o barbari o dal latino “barbara” che significava prima “barbaro”, poi “terribile” e quindi “coraggioso” o “benedetto”, da cui brave, in francese e “bravo”, in italiano. Barbara viene celebrata il 4 dicembre. Sotto questo nome, conosciamo Santa Barbara che sarebbe una cristiana morta, vergine e martire a Nicomedia, nel III secolo.
Popolarità del primo nome Barbara: molto diffuso nel Medioevo in Francia, in Inghilterra e in Germania. Questo nome è ancora molto in voga nei paesi anglosassoni e germanici così come in Polonia. In Francia e secondo l’Insee, il primo nome Barbara è stato dato 25.820 volte tra il 1903 e il 2015.

Brygida

Il primo nome Brygida deriva dal celtico “brigh” che si traduce in “forza” e “potere” o dal vecchio slavo “brygid” che significa “grande” o “elevato”. Brygida si festeggia il 1° febbraio o il 23 luglio.
Popolarità del nome Brygida: in Germania e in Svizzera, è comune dall’VIII secolo, dopo il trasferimento di una parte delle reliquie del santo irlandese al monastero di Honau in Alsazia. Secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Cecylia

Il nome Cecylia è una variante di Cecile, dal latino “caecus” che significa “cieco” o Caecilia, il nome di una famosa famiglia romana. Cecylia si festeggia il 22 novembre. Con questo nome, conosciamo Santa Cecilia, una nobildonna romana, morta martire nel II secolo.
Popolarità del nome Cecylia: in Francia e secondo l’Insee, il nome Cecylia è stato attribuito 33 volte tra il 1997 e il 2009.

Danuta

Il nome Danuta è un nome lituano, un diminutivo del nome ebraico Daniela. Con questo nome, conosciamo una principessa lituana, figlia di Kiejstut, celebrata nel libro “I cavalieri teutonici” prodotto su pellicola nel 1960, da Sienkiewicz (1846-1916). Più recentemente, citiamo Danuta Szaflarska, nata il 6 febbraio 1915 a Kosarzyska (Polonia), attrice polacca, morta a Varsavia il 19 febbraio 2017.
Popolarità del nome Danuta: è particolarmente popolare nella Polonia orientale. In Francia e secondo l’Insee, il primo nome Danuta è stato dato 59 volte tra il 1932 e il 1984.

Halina

Il nome Halina deriva sia dalla lingua greca che da quella latina. Significa “calma” in greco o “una gallina covata”. A volte viene confuso con Helena, ma in realtà, questi due nomi sono abbastanza diversi e non hanno nulla in comune tranne la somiglianza fonetica. Il nome Halina è probabilmente l’equivalente di Alina. Con questo nome conosciamo Halina Grzecznarowska, figlia del deputato e sindaco di Radom, nel 1950 sposò Władysław Szpilman, un pianista, autore e compositore ebreo polacco.
Popolarità del primo nome Halina: in Francia e secondo l’Insee, il primo nome Halina è stato attribuito 296 volte tra il 1924 e il 2015.

Iwona

Il primo nome Iwona è un nome tedesco che significa “una ragazza armata di un arco di tasso”. Con questo nome, conosciamo Iwona Węgrowska, nata il 17 maggio 1982 a Żory (Polonia), cantante polacca.
Popolarità del nome Iwona: popolare in Europa centrale, gode di grande simpatia in Polonia. Secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Jadwiga

Il primo nome Jadwiga deriva dal germanico “had”, “battaglia” aveva e “wig”, “hadcombat, confuso con “wiha”, che indica il “sacro”. Con questo nome, conosciamo Jadwiga Barańska, nata a Łódź il 21 ottobre 1935, attrice e sceneggiatrice polacca. Più recentemente, citiamo Jadwiga Katarzyna Emilewicz, nata il 27 agosto 1974 a Cracovia, scienziata politica e leader culturale polacca. Nel 2015 è sottosegretario di stato al ministero dello sviluppo e vicepresidente della Polonia.
Popolarità del nome Jadwiga: in Francia e secondo l’Insee, il nome Jadwiga è stato dato 319 volte tra il 1923 e il 1953.

Krystyna

Il nome Krystyna deriva dalla parola “christinus” che significa “appartenente a Gesù Cristo” o “cristiano” che si riferisce a Cristo. Nella lingua greca, questo termine era il titolo dato ai re e ai capi tribù e si riferiva a una persona destinata a comandare e giudicare gli altri.
Popolarità del primo nome Krystyna: in Francia e secondo l’Insee, il primo nome Krystyna è stato dato 69 volte tra il 1927 e il 1993.

Maria

Il primo nome Maria può essere l’uso emozionale della forma latina di Maria. Ma è, prima di tutto, una variante di Maria, dall’ebraico “myriam” che denota una “signora”, “padrona di casa” o “veggente”. In Francia si festeggia il 15 agosto.
Popolarità del nome Maria: si è diffuso in Polonia dal XIV secolo. Nel XVI secolo, diventa popolare in Polonia, con la grafia Marza, che sarà combattuta dalla Chiesa e sostituita da Maria. Dal XIX secolo, grazie alla musa di Mickiewicz “Maryla” e al dramma di Malczewski “Maria”, questo nome è diventato il nome più popolare in Polonia. È spesso dato agli uomini come secondo nome. In Francia e secondo l’Insee, il primo nome Maria è stato dato 137.082 volte tra il 1900 e il 2015.

Marta

Il nome Marta è una variante di Martha, che deriva dall’aramaico “marta” e significa “signora” o “padrona”.
Popolarità del nome Marta: in Polonia era popolare nelle famiglie artistiche, soprattutto nella seconda metà del XVI secolo, ma ancora oggi gode di grande simpatia. In Francia e secondo l’Insee, il primo nome Marta è stato dato 790 volte tra il 1922 e il 2015.

Olimpia

Il primo nome Olimpia è una variante di Olympus, dal greco “olumpios”, che deriva da Olympus, il nome della montagna in Grecia dove risiedevano gli dei. Le Olimpia sono celebrate il 26 luglio in Francia. In Polonia, sono il 17 dicembre.
Popolarità del nome Olimpia: in Francia e secondo l’Insee, il nome Olimpia è stato dato 12 volte tra il 1961 e il 2013.

Renata

Il nome Renata è una variante di Renée, derivato da René che deriva dal latino “re-natus” cioè “nato una seconda volta”. È un appellativo pagano diventato nome cristiano con un significato mistico. Convertendosi al cristianesimo, ogni pagano nasce, per così dire, una seconda volta. Renata si festeggia il 22 maggio. Con questo nome, conosciamo Cecylia Renata d’Austria, arciduchessa d’Austria, seconda moglie del re polacco Władysław IV Vasa.
Popolarità del nome Renata: in Francia e secondo l’Insee, il nome Renata è stato dato 387 volte tra il 1924 e il 2015.

Tekla

Il primo nome Tekla è una variante di Thecla che viene dal greco “theos-kleos” che si traduce come “gloria di Dio”. Tekla si festeggia il 23 settembre. Questo nome fu portato da una compositrice polacca del XIX secolo di nome Tekla Baranowska che compose “The Virgin’s Prayer”, una composizione per pianoforte che divenne molto popolare in tutto il mondo.
Popolarità del nome Tekla: in Francia e secondo l’Insee, il primo nome Tekla è stato dato 11 volte tra 1923 e 2006.

Telimena

Il nome Telimena deriva dal greco “khêlê” che significa “principe” e “mênê” che si traduce come “luna”. Telimena si festeggia il 21 ottobre.
Popolarità del nome Telimena: secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Wanda

Il nome Wanda è di origine toscana, deriva da “vand”, che significa “stirpe”, “ceppo” o dal polacco “vandjan” che significa “girare”. Può anche significare “abilità” o “capacità”. Alcune fonti suggeriscono radici nelle leggende popolari lituane. Un’altra teoria è che possa provenire dal nome della tribù dei Vandali, un popolo scandinavo che abitava i territori tra l’Oder e il Danubio. Wanda, la regina dei Sarmati nella leggenda nazionale polacca, è l’eroina del romanzo di Zacharias Werner “Il dramma della fatalità” del 1810, e del diario di Wanda Przybylska, scritto a Varsavia tra il 1942 e il 1944, pubblicato a Parigi dalle Edizioni Cana nel 1981. Infine, citiamo il film umoristico americano-britannico “Un pesce chiamato Wanda”, diretto da Charles Crichton nel 1988, e interpretato da Jamie Lee Curtis.
Popolarità del nome Wanda: molto frequente in Gran Bretagna e particolarmente in Scozia all’inizio del XX secolo. È ampiamente utilizzato in Polonia e in Cecoslovacchia. È ancora usato in Germania. Questo nome si trova anche nella Svizzera tedesca. In Francia e secondo l’Insee, il nome Wanda è stato dato 3.803 volte tra il 1900 e il 2015.

Nomi maschili polacchi

Andrzej

Il nome Andrzej è una variante di André che deriva dal greco “andreia” che significa “coraggio”, “energia” o “virilità” e “andres” che si traduce in “virile”. Andrzej Juskowiak è un calciatore che ha giocato per la nazionale polacca nella Coppa del Mondo 2002 in Corea e Giappone. Citiamo anche Andrzej Żuławski, regista cinematografico, regista teatrale, sceneggiatore e scrittore polacco, nato a Lwów (Polonia o Lviv in Ucraina), il 22 novembre 1940 e morto a Varsavia (Polonia), il 17 febbraio 2016.
Popolarità del nome Andrzej: nella cultura slava, è apparso relativamente presto e si è fissato nella tradizione polacca, se non altro come simbolo della serata di divinazione detta “andrzejki”. La Chiesa ha cercato a lungo di abolire questa usanza dalla tradizione popolare, ma senza risultato. In Francia e secondo l’Insee, il nome Andrzej è stato dato 3 volte nel 1983.

Bogdan

Il nome Bogdan è di origine slava, significa “dato da Dio”. Con questa etimologia, corrisponde al greco Theodore, all’ebraico Nathanael e Jonathan, al latino Deodatus e al francese Dieudonné. Quattro sovrani moldavi sono conosciuti con questo nome: Bogdan I il Fondatore (1359 – 1365), Bogdan II di Moldavia (1449-1451), Bogdan III il Cieco (1504-1517) e Bogdan IV di Moldavia (1568-1572). Più recentemente, citiamo Bogdan Raczynski, nato in Polonia nel 1977, musicista polacco stabilito negli Stati Uniti.
Popolarità del nome Bogdan: era particolarmente popolare in Romania, Moldavia e Ucraina. Era indossato dai primi voivoda valacchi, e nel Medioevo il loro paese era chiamato Bogdania. Poiché il nome era molto popolare, furono creati dei nomi di famiglia sulla sua base: Bodanow, Bogdanowicz o Bogdan. In Francia e secondo l’Insee, il primo nome Bogdan è stato dato 363 volte tra il 1925 e il 2015.

Boleslaw

Il primo nome Boleslaw è di origine slava: è basato sulle due parole “bole” che significa “uomo” e “slaw” che si traduce come “gloria”. Significa “l’uomo che deve celebrare la gloria di Dio”. Boleslaw I, della dinastia Piast, nato nel 967, è conosciuto con questo nome e fu il primo sovrano polacco ad essere incoronato re (1025). Riuscì a unire le tribù degli slavi occidentali e governò da solo per trentatré anni. Morì il 17 giugno 1025. Più recentemente, ricordiamo Bolesław Prus nato il 20 agosto 1847 a Hrubieszów, Polonia, scrittore e giornalista polacco. Inizialmente rappresentante del positivismo polacco, divenne in seguito un realista. Morì a Varsavia (Polonia), il 19 maggio 1912.
Popolarità del nome Boleslaw: in Polonia, le prime menzioni di questo nome risalgono al X secolo. Era molto popolare nella Pomerania occidentale. È stato creato durante la cristianizzazione dei popoli slavi. A quel tempo, molti nomi furono creati per sostituire i nomi pagani e testimoniare la cristianizzazione dei nuovi ducati e regni. In Francia e secondo l’Insee, il primo nome Boleslaw è stato dato 649 volte tra il 1921 e il 1954.

Czeslaw

Il primo nome Czeslaw deriva dalle parole “cze” che significa “onore” e “slaw” che si traduce come “gloria”. Si riferisce quindi a “uno che apprezza l’onore e la gloria”. Nella lingua slava antica, la parola “onore” significava anche “un banchetto in favore di qualcuno”. Possiamo quindi supporre che Czesław significhi anche “ospitale”. Si noti che nel XVI secolo, nel Salterio e nella Bibbia era scritto che “czesny” significava “virtuoso”. Con questo nome di battesimo, conosciamo Czesław Miłosz, poeta, romanziere, saggista e traduttore polacco. Ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1980.
Popolarità del nome Czeslaw: in Francia e secondo l’Insee, il nome Czeslaw è stato dato 1.434 volte tra il 1921 e il 1956.

Dobromir

Il nome Dobromir è di origine slava. È stato costruito da due elementi “dobro” che significa “bene” e “mir” che significa “mondo” o “pace”. Con il primo nome Dobromir conosciamo Dobromir Chrysos , leader dei Vlachs; Dobromir Mitov , difensore di calcio bulgaro in pensione e attualmente allenatore del Belasitsa Petrich; Dobromir Tashkov , ex calciatore bulgaro; Dobromir Zhechev , ex calciatore bulgaro e futuro manager.
Popolarità del nome Dobromir: secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Jacek

Il nome Jacek è l’equivalente polacco di James, che deriva dall’ebraico “ya’aqob” che significa “che Dio favorisce”, “che sopprime”. Jacek Marcin Kaczmarski, nato il 22 marzo 1957 a Varsavia, è stato un poeta e cantante polacco morto a Varsavia il 10 aprile 2004. Citiamo anche Jacek Yerka, nato a Toruń (Polonia), pittore polacco i cui dipinti rientrano nel surrealismo e il cui universo visivo può anche essere collegato alla tendenza del realismo magico.
Popolarità del nome Jacek: molto popolare in Polonia, la sua versione più antica era Jacenty. Secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Jozef

Il nome Jozef è una variante di Joseph dall’ebraico “vosef” che si traduce come “che Iahweh aggiunga”. Con questo nome, conosciamo l’attore polacco Józef Pawłowski nato il 29 settembre 1990 a Nowy Dwór Mazowiecki (Polonia).
Popolarità del nome Jozef: in Francia e secondo l’Insee, il nome Jozef è stato attribuito 91 volte tra 1924 e 2012.

Karol

Il nome Karol deriva dal germanico “karl” che significa “virile”. Antico alto tedesco “charal”, antico scandinavo “karlar”, anglosassone “ceorlas” e tedesco “kerl”, significano “luron”, “virile”. Questo nome deve la sua popolarità a Carlo Magno, re dei Franchi, imperatore d’Occidente, che è diventato un punto fermo nella storia moderna. La dinastia carolingia diede vita a molte altre famiglie europee. Carlo Martello, che diede inizio al potere di tutta la dinastia, era il figlio naturale di Pipino di Herstal. Questo eccellente organizzatore riformò l’esercito franco introducendo la cavalleria pesante. Conquistò la Frisia, iniziando nuove relazioni internazionali e introducendo le basi del sistema feudale. Più recentemente, non dimentichiamo Karol Wojtyla, nato a Wadowice (Polonia), il 18 maggio 1920, eletto Papa il 16 ottobre 1978, morto a Roma (Italia), il 2 aprile 2005.
Popolarità del nome Karol: in Francia e secondo l’Insee, il nome Karol è stato attribuito 217 volte tra il 1926 e il 2015.

Marek

Il nome Marek è una variante di Mark, dal nome latino Marcus, dal latino “marcus” che significa “martello”, derivato dalla radice ariana “mar” che significa “macinare”. L’antico nome Marcus si riferisce a quello del dio Marte, dio della guerra. Marek Belka, primo ministro della Repubblica di Polonia e firmatario del trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa nel 2005, è conosciuto con questo nome. Marek Halter, romanziere polacco, nato nel 1936, è arrivato in Francia nel 1950 ed è stato naturalizzato francese nel 1980. Pittore, poi scrittore, ha scritto numerose opere tra cui “I misteri di Gerusalemme” in cui mescola finzione e realtà. È noto per essere di tutte le lotte per i diritti umani.
Popolarità del nome Marek: in Francia e secondo l’Insee, il nome Marek è stato attribuito 387 volte tra il 1974 e il 2015.

Pawel

Il nome Pawel è un derivato di Pavel, una variante di Paul che deriva dal latino “paulus” che significa “piccolo”. Con questo nome di battesimo, conosciamo Paweł Kuczyński, nato il 12 agosto 1976 a Stettino, artista grafico polacco. Citiamo anche Paweł Poljański, nato a Wejherowo (Polonia) il 6 maggio 1990, ciclista professionista polacco.
Popolarità del nome Pawel: in Francia e secondo l’Insee, il nome Pawel è stato attribuito 84 volte tra il 1985 e il 2015.

Slawomir

Il nome Slawomir è composto da “sława” che significa “gloria” e “mir” che si traduce come “pace”. Si riferisce quindi a “una persona famosa per il suo amore per la pace”. Con questo nome, conosciamo l’attore polacco Sławomir Zapała, nato a Cracovia (Polonia), il 19 marzo 1983.
Popolarità del nome Slawomir: secondo Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Waclaw

Il nome Waclaw è una variante di Vaclav, che deriva dal germanico di origine Tudesk dallo slavo “waclaf” che significa “una corona” o composto da “vajce” che significa “più” e “slàva” che significa “gloria” o “fama”. Significa quindi “una persona che lotta per la gloria”. Esiste anche un’etimologia latina secondo la quale, nel X secolo, il nome Waclaw aveva la forma di “Wenceslaus”. In polacco Wacław, è simile alle forme Więcław, Bolesław o Uniesław. In ceco si trova nella forma Wacemir. L’attuale diminutivo Wacek significava nel polacco del XVI secolo “borsa” o “piccola borsa”. Più tardi, fu chiamato colloquialmente “il marsupio”. In tedesco antico, “Watsek” significa “artigiano che fa borse”. Con questo nome, conosciamo Wacław Franciszek Sierpiński (1882-1969), matematico polacco, noto per i suoi contributi alla teoria degli insiemi, teoria dei numeri, teoria delle funzioni e topologia.
Popolarità del primo nome Waclaw: ha messo radici in Polonia dalla Boemia. In Francia e secondo l’Insee, il nome Waclaw è stato dato 142 volte tra il 1924 e il 1944.

Wladymir

Il nome Wladymir è una variante di Vladimir dallo slavo “vlad” che significa “governare”, “regnare” e “mir” che denota “pace” o “vladeti mirom” che si traduce come “possedere il mondo” o “possedere la pace”. Wladymir si festeggia il 15 luglio. Sotto questo nome, conosciamo San Wladimir I il Grande (956-1015), principe di Novgorod, nipote di Santa Olga, evangelizzò la Russia. Citiamo anche Wladimir, nipote di Wladimir II Monomaco, gran principe di Kiev dal 1113 al 1125 e Wladimir Iljits Ulyanov detto Lenin (1870-1924), statista russo.
Popolarità del nome Wladymir: secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Wladyslaw

Il nome Wladyslaw è una variante di Ladislas, dallo slavo “vladi” che significa “potere”, “potenza” e “slaw” che significa “gloria” o “fama”. Con questo nome, conosciamo Władysław Szpilman “Władek”, nato a Sosnowiec (Polonia) il 5 dicembre 1911, pianista, autore e compositore ebreo polacco morto a Varsavia (Polonia) il 6 luglio 2000. Citiamo anche Władysław Strzemiński, nato a Minsk (Bielorussia), 21 novembre 1893, pittore e teorico dell’arte polacco, morto a Łódź (Polonia), 28 dicembre 1952.
Popolarità del nome Wladyslaw: in Francia e secondo l’Insee, il nome Wladyslaw è stato attribuito 722 volte tra 1922 e 1952.

Wojtek

Il nome Wojtek è una variante di Adalbert o Albert, di origine franca, vecchia forma germanica di Adalbrech, da “adel” che significa “nobile” e “bert” che si traduce come “brillante”, “splendente” o una variante della forma latina, Adalbertus. Significa “brillante per nobiltà” o “guerriero a cui la lotta porta gioia”. Con questo nome, conosciamo Wojciech Sosnowski1, nato a Varsavia (Polonia), l’11 marzo 1977, rapper e hip-hopper polacco conosciuto come Wojtek Sokół e Nocny Narrator.
Popolarità del nome Wojtek: la sua popolarità è dovuta a Sant’Adalberto (X secolo), vescovo di Praga di famiglia principesca. Cacciato da Praga, venne in Polonia dove fu martirizzato dai prussiani durante il suo lavoro missionario. Secondo l’Insee, questo nome non è rappresentato in Francia.

Zbigniew

Il nome Zbigniew deriva da “zbit” che significa “liberarsi” e “gniew” che si traduce con “rabbia”. Significa “senza rabbia” o “uno che dovrebbe liberarsi della rabbia e diventare più gentile”. Con questo nome di battesimo, conosciamo Zbigniew Brzeziński, nato a Varsavia, Polonia, il 28 marzo 1928, politologo americano di origine polacca. È stato consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Jimmy Carter dal 1977 al 1981. È morto all’Inova Fairfax Hospital (Virginia, Stati Uniti) il 26 maggio 2017.
Popolarità del nome Zbigniew: in Francia e secondo l’Insee, il nome Zbigniew è stato attribuito 110 volte tra il 1900 e il 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *