Marvin Heemeyer (Italiano)

Il suo Killdozer era un bulldozer Komatsu D335A coperto da un’armatura da lui stesso realizzata, che copriva la cabina, il motore e parte dei cingoli; alcune sezioni dell’armatura erano spesse quasi 305 mm (1 piede). Fatta di uno strato di cemento posto tra due piastre d’acciaio, era un’armatura composita. Il Killdozer sarebbe stato impenetrabile al fuoco delle armi leggere e resistente agli esplosivi. Tre esplosioni esterne e più di duecento proiettili non hanno fatto danni. Le truppe della Guardia Nazionale Americana sono state messe in allerta dal governatore Bill Owens (l’ordine di schierare le truppe deve venire dal governatore dal passaggio del Posse Comitatus Act).

Heemeyer aveva installato tre telecamere collegate a monitor nella cabina in modo da poter vedere all’esterno. C’erano ventilatori e un condizionatore d’aria in modo che non si scaldasse troppo, e aria compressa diretta alle telecamere per pulirle dalla polvere. Aveva cibo, acqua e un sistema di supporto vitale nella cabina quasi-ermetica. Heemeyer non aveva alcuna intenzione di uscire dal Killdozer una volta all’interno; aveva saldato in modo permanente l’unica entrata della cabina.

Mentre il veicolo aveva problemi con il suo radiatore danneggiato e che perdeva, il pavimento di uno degli edifici ha ceduto mentre lo distruggeva, intrappolando uno dei binari nel vuoto. Heemeyer si è poi suicidato con una pistola (il suono è stato sentito dalla polizia vicina). Più tardi, il suo corpo è stato estratto dal Killdozer con una gru dopo circa 12 ore di lavoro per tagliare l’armatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *