Metodo del parallelogramma

Il metodo del parallelogramma si riferisce ad un metodo di somma grafica di due vettori euclidei. Prende il nome dalla forma creata dalle possibilità di addizione grafica dei due vettori. Così, poiché l’addizione di vettori euclidei è commutativa, l’addizione grafica di due vettori può essere fatta in due modi. Per esempio, i vettori F → 1 {vec {F}}_{1}}{vec {F}}_{1}

e F → 2 {displaystyle {vec {F}_{2} {displaystyle {vec {F}_{2}} della figura quicontro possono essere aggiunti nell’ordine F → 1 + F → 2 {\displaystyle {\vec {F}}_{1}+{\vec {F}}_{2}} {\displaystyle {\vec {F}}_{1}+{\vec {F}}_{2}}, che dà il percorso superiore, oppure F → 2 + F → 1 {displaystyle {\vec {F}}_{2}+{\vec {F}}_{1}} {displaystyle {\vec {F}}_{2}+{\vec {F}}_{1}}, che dà il percorso inferiore. L’insieme dei percorsi possibili forma il parallelogramma.

Pagina di aiuto all'omonimia
Per gli articoli omonimi, vedi Parallelogramma (omonimia).

I vettori F → 1 {displaystyle {\vec {F}}_{1}} {vec {F}}_{1} (verde) e F → 2 {displaystyle {\vec {F}}_{2}} {displaystyle {\vec {F}}_{2}} (blu) può essere aggiunto graficamente in due modi, rappresentati dalle linee tratteggiate e che formano un parallelogramma. Il vettore F → {\displaystyle {\vec {F}} {vec{F}} (in rosso) è la risultante dell’addizione.

Quando il metodo è per forze, si chiama parallelogramma di forze. Quando viene applicato per aggiungere più di due vettori euclidei, si chiama metodo dei poligoni. Quando è applicata a tutti i tipi di vettori, si chiama relazione di Chasles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *