Ossessionato dalla morte di Dan Wheldon, la stagione Indy 2012 si apre domenica

La stagione IndyCar 2012 si apre domenica in Florida. Con una maggiore attenzione sulla sicurezza dopo l’incidente che ha causato la vita del pilota britannico Dan Wheldon nel 2011. I telai sono stati rinforzati e sono stati aggiunti degli stabilizzatori alle monoposto. Questo li rende traballanti.

La stagione 2012 della IndyCar si apre domenica sul circuito di St. Petersburg in Florida con maggiori preoccupazioni per la sicurezza a seguito dell’incidente che è costato la vita al pilota britannico Dan Wheldon a metà ottobre e ha lasciato il campionato nordamericano permanentemente traumatizzato.

Ventiquattro piloti cercheranno di impedire allo scozzese Dario Franchitti di intascare il quinto titolo al termine delle 16 gare che punteggeranno questa stagione dal 25 marzo a San Pietroburgo al 15 settembre sull’ovale californiano dell’Auto Club Speedway di Fontana.

Il campionato IndyCar farà due fermate fuori dai confini del Nord America, il 29 aprile a San Paolo (Brasile) e il 18 agosto sulle strade della megalopoli cinese di Qingdao (est)

Inzialmente il Las Vegas Speedway avrebbe dovuto ospitare il Gran Premio finale della stagione 2012, ma i dirigenti del campionato nordamericano hanno scelto di non fare la fermata lì conseguenza del terribile incidente, che si è verificato a metà ottobre su questo ovale e che è costato la vita del britannico Dan Wheldon.

La morte del due volte vincitore della 500 Miglia di Indianapolis (2005, 2011), morto a 33 anni per ferite alla testa dopo un incidente che ha coinvolto 15 dei 34 concorrenti del Gran Premio di Las Vegas, ha portato all’introduzione di nuovi telai che hanno lo scopo di garantire una migliore sicurezza per i piloti.

In particolare, sono stati aggiunti piccoli stabilizzatori verticali sotto l’ala delle auto per evitare che volino via come nel caso del veicolo di Dan Wheldon.

I nuovi telai, per inciso, portano le iniziali “DW” in omaggio al pilota britannico, che per mesi aveva condotto test di sicurezza sui prototipi prima del suo fatale incidente.

Domenica, la stagione si aprirà a St. Petersburg, in Florida, dove Wheldon, che ha vinto la prima edizione della gara tenutasi sulle strade della città nel 2005, è sepolto.

Il calendario dell’edizione 2012 del campionato nordamericano IndyCar, 16 gare disputate tra il 25 marzo e il 15 settembre 2012.

25 marzo: Gran Premio di San Pietroburgo

1 aprile: Gran Premio dell’Alabama (Birmingham)

15 aprile: Gran Premio di Long Beach

29 aprile: San Paolo Indy 300 (Brasile)

27 maggio: Indianapolis 500

3 giugno: Detroit Belle Isle Grand Prix

9 giugno: Firestone 550 (Fort Worth)

16 giugno: Milwaukee IndyFest

23 giugno: Iowa Corn Indy 250 (Newton)

08 luglio: Indy Toronto (Canada)

22 luglio: Edmonton Indy (Canada)

05 agosto: Indy 200 Mid-Ohio (Lexington)

18 agosto: Streets of Qingdao (Cina)

Agosto 26: Gran Premio di Sonoma (Canada)

Settembre 2: Gran Premio di Baltimora

Settembre 15: Auto Club Speedway (Fontana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *