Patrimonio del Legno

  • Applicazioni di durabilità
  • Patrimonio del Legno
  • Linee guida per la durabilità
  • Rivestimento del legno per esterni
  • Fattori che influenzano le prestazioni
  • Consigli rapidi
  • Glossario
  • Scegliere e applicare i rivestimenti per il legno esterno
  • Finitura di fabbrica
  • Fondazioni permanenti in legno
  • Non c’è motivo per cui una struttura in legno non possa durare quasi per sempre o, almeno, centinaia di anni, in realtà molto più a lungo del tempo in cui avremmo bisogno dell’edificio. Affinché gli edifici in legno di oggi durino a lungo come vogliamo, tutto ciò che serve è una buona comprensione di come proteggere il legno dal decadimento e dal fuoco.

    Anche se il legno non ha la longevità storica della pietra, ci sono ancora alcuni edifici in legno molto antichi che sono ancora in piedi. In Europa, il legno è stato a lungo un materiale da costruzione predominante, fin dall’inizio della civiltà. La maggior parte di questi antichi edifici sono scomparsi da tempo, distrutti dal fuoco, dal degrado o dalla decostruzione per altri scopi. Nei primi tempi della costruzione in legno, i componenti strutturali primari erano collocati direttamente sul terreno, il che alla fine portava al decadimento. Non fu fino al 1100 che i costruttori cominciarono a usare la pietra come basamento; il che spiega perché i nostri esemplari sopravvissuti di edifici in legno risalgono generalmente a questo periodo al massimo.

    Probabilmente i più famosi edifici antichi in legno europei sopravvissuti sono le stavkirke norvegesi, che furono costruite a centinaia durante i secoli 12 e 13, di cui 25-30 esistono ancora oggi. I loro rivestimenti esterni sono stati generalmente sostituiti, ma il legno strutturale è originale.

    La stavkirke di Urnes (1150 circa) nella contea di Sogn og Fjordane, è la più antica della Norvegia. Fonte dell’immagine

    In Nord America, l’abbondanza di legno e l’abilità nella lavorazione del legno dei primi coloni hanno portato ad un uso diffuso di questo materiale da costruzione; infatti, è sempre stato ed è ancora il materiale strutturale principale per le piccole costruzioni qui. Le più antiche case di legno sopravvissute negli Stati Uniti risalgono all’inizio del 1600. Quasi 80 case, resti di questo periodo, si possono ancora trovare negli stati del New England.

    La Fairbanks House (c. 1636) a Dedham, Massachusetts, U.S.A., è la più antica casa a graticcio del Nord America. Fu costruita per Jonathan e Grace Fairbanks, e occupata da loro e dalle successive sette generazioni della famiglia fino all’inizio del XX secolo. Infatti, la proprietà è ancora di proprietà della famiglia Fairbanks, e ora serve come museo. Fonte dell’immagine.

    In Nord America, molti altri edifici in legno sopravvivono dal XVIII secolo. Anche nel clima esigente della Louisiana, dove le condizioni calde e umide sono una bella sfida per la durata del legno, ci sono ancora alcuni insediamenti francesi risalenti alla prima metà del 1700. E, naturalmente, ci sono innumerevoli edifici ancora in piedi risalenti al 1800 e all’inizio del 1900, la maggior parte dei quali sono probabilmente ancora abitati.

    La Parlange Plantation House (1750 circa), situata a Pointe Coupee Parish, Louisiana, S.D.U.), fu costruito dal marchese Vincent de Ternant, e rimane ancora in possesso dei suoi discendenti, la famiglia Parlange. Questa grande casa di piantagione è stata costruita in bousillage (fango, muschio e peli di cervo) e legno di cipresso, e posta su una cantina rialzata di mattoni fatti a mano. Fonte dell’immagine.

    L’uso del legno è diffuso nella storia del Giappone, che ospita la più antica struttura in legno del mondo, un tempio buddista vicino all’antica capitale Nara. Si ritiene che il tempio Horyu-Ji sia stato costruito all’inizio dell’ottavo secolo (711 circa) e forse anche prima, poiché uno dei pali di hinoki (cipresso giapponese) sembra essere stato abbattuto nel 594. La longevità di questo tempio è in gran parte dovuta a un’attenta riparazione e manutenzione. Questa intera regione del Giappone ha anche molti altri antichi edifici in legno ancora in piedi.

    Il tempio Horyu-ji di Nara

    Non pretendiamo normalmente una longevità così eccezionale per i nostri edifici moderni. La durata di vita di una tipica casa nordamericana non supera i 100 anni (la media è più bassa), e i nostri edifici non residenziali vengono normalmente demoliti dopo 50 anni o meno. Il legno si adatta bene a queste durate previste. Clicca qui per i dati dell’indagine che mostrano che gli edifici in legno durano altrettanto a lungo, se non di più, degli edifici costruiti con altri materiali.

    Riferimento:
    Hans Jrgen Hansen, “Architecture in Wood: A History of Wood Building and Its Techniques in Europe and North America,” Faber and Faber Publishers, London, 1971.

    House of 1865, Vancouver, B.C.B.

    La Irving House è una grande residenza di un piano e mezzo, in legno, seminterrata, in stile gotico rinascimentale, situata nel suo sito originale all’angolo di Royal Avenue e Merivale Street nel quartiere Albert Crescent di New Westminster. La Irving House è notevole per la cura con cui ha mantenuto le sue caratteristiche interne ed esterne originali. Gestita come una casa storica, ha anche una collezione di molti degli arredi originali della famiglia Irving.

    La Irving
    Posizione 302 Royal Avenue, New Westminster, C.-B.
    Completamento della costruzione 1865
    Altre informazioni Proprietario originale – Capitano William e Elizabeth Jane Irving
    Stato attuale Nuova proprietà di Westminster
    Mezzi di costruzione Piattaforma di carpenteria
    Stile Neogotica
    Struttura 2″ Douglas Fir Framing
    Rivestimento Lungo rivestimento in legno rosso e finiture in legno
    Condizione Nessun segno di decadimento sui componenti dell’intelaiatura
    Riparazioni Importante 1880

    Courtesy of New Westminster Museum and Archives, New Westminster, British Columbia

    Altro link: http://www.flickr.com/photos/bobkh/297751638/in/set-72157594340707368/

    Casa del 1912, Vancouver, BC.-B.

    Questa classica casa di fine secolo era destinata alla demolizione nel 1990. Il suo rivestimento era già stato rimosso, lasciando solo il suo telaio, quando fu acquistato da un nuovo proprietario che voleva trasformarlo in un alloggio. Su sua richiesta, l’edificio è stato ispezionato dal Dr. Paul Morris di Forintek per rilevare i segni di deterioramento. Dopo 80 anni di servizio, non c’era alcun segno di decadenza né sui membri strutturali né sui telai, la maggior parte dei quali erano originali.

    1912 casa
    Sostituzione Vancouver
    Anno di costruzione 1912 (stimato)
    Registri originali Dipartimento Acqua 1909
    Registro di Città 1915
    Altre informazioni Proprietario originario – Henry B. Ford
    Stato attuale Vancouver Heritage Resource
    Metodo di costruzione Inquadramento della piattaforma
    Stile Heritage, con diversi tetti spioventi e ampio frontetetti
    Struttura Verde grezzo 2″ Douglas abete verde grezzo
    Siding tavole di abete Douglas verde grezzo
    Carta Costruzione Carta impregnata di bitume
    Rivestimento Squadri in cedro occidentale Rivestimenti in cedro occidentale
    Tetto Ovest Cedar Shingles (nuovo tetto nel 1991)
    Condizione No segni di decadimento sui componenti del telaio

    Nara esempio, Giappone
    Il tempio buddista Horyu-Ji di Nara è probabilmente la più antica struttura in legno del mondo. Nara divenne la prima capitale permanente del Giappone nel 710.

    Tempio Buddista Horyu-Ji di Nara
    Luogo Nara, Giappone
    Data di costruzione 670 a 714 (stima)
    File originali Originale Costruito sul sito del tempio originale 607
    Altre informazioni Proprietario iniziale – Principe Shotoku
    Stato attuale Patrimonio Culturale Mondiale Patrimonio Culturale Mondiale
    Metodo di costruzione Legno massiccio
    Stile 2″ Douglas Firing
    Struttura Hinoki (sostenibile – cipresso giapponese)
    Tetto Tetto multipiano con tegole in argilla
    Condizione Nessun segno di decadenza su componenti strutturali
    Programma di manutenzione Riparazioni importanti ogni 100 anni, ricostruita ogni 300 anni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *