Perché il principe ereditario si chiamava delfino?

Tutti abbiamo sentito questo termine in classe di storia, che ci fa pensare all’animale omonimo. Ma perché l’erede del regno si chiamava delfino? Vi togliamo il mistero.

I primi a usare il termine “delfino” per riferirsi ai loro eredi non erano francesi! Infatti, i primi “delfini” titolati furono i conti di Viennois e i conti di Albon, signori… del Delfinato di Viennois. Questo stato feudale, che aveva Grenoble come capitale, era all’epoca sotto l’autorità del Sacro Romano Impero. Gli eredi portavano quindi il titolo di “Delfino di Viennois”. Il simbolo del delfino sarebbe stato scelto in riferimento ai forti legami che univano all’epoca il Delfinato alla Provenza, e quindi al Mediterraneo.

Recupero della Francia

Il primo principe francese ad essere così soprannominato fu Carlo V il Saggio. Perché? Filippo VI, suo nonno, accettò di comprare le terre del re Umberto II ad una condizione: che il Delfinato fosse il feudo di suo figlio maggiore. Fu in seguito a questo accordo, firmato nel 1349, che il titolo di Delfino entrò nella corte francese. Tuttavia, fu suo nipote, il futuro Carlo V, che fu il primo delfino del regno di Francia. Questo titolo non dava tuttavia ai delfini il desiderio di governare il Delfinato, poiché solo Luigi XI vi imponeva realmente il suo potere.

Non basta essere il pretendente al trono per essere onorati del titolo di delfino: bisogna anche essere discendenti del re. Così Francesco I, cugino del suo predecessore Luigi XII, non avrebbe mai ottenuto il titolo.

Armi del Delfino di Francia
Armi del Delfino di Francia

L’ultimo principe francese a portare il titolo di delfino fu il figlio maggiore di Carlo X, Louis Antoine, nato nel 1775. Non fu mai incoronato, tuttavia, poiché abdicò contemporaneamente a suo padre. Oggi, anche se non c’è più un delfino reale, l’espressione ha resistito. È ancora comunemente usato per designare il successore di una personalità in politica, negli affari o anche nello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *