Pozzi di iniezione

I pozzi di iniezione sono utilizzati per una serie di scopi, tra cui:

Stoccaggio in profondità di rifiuti liquidi o gassosiModifica

In alcuni paesi o regioni le acque reflue domestiche (o quelle degli impianti di depurazione) sono talvolta “smaltite” iniettandole nel terreno in una trincea di drenaggio che le distribuisce su un grande volume di terreno e utilizza la terra come “filtro” prima che queste acque raggiungano un corso d’acqua, una zona umida e/o un mezzo sotterraneo ricevente (acque sotterranee, carsiche..). Un’alternativa a questo uso è l’irrigazione dove ci si affida alle piante e al suolo superficiale per purificare l’acqua o farla evaporare, ma con possibili rischi microbiologici, ecoepidemiologici e di inquinamento o contaminazione delle colture o dei pascoli, soprattutto quando le acque reflue contengono metalloidi, metalli pesanti o molecole tossiche, ecotossiche, indesiderabili e poco biodegradabili.

Alcune acque reflue industriali (specialmente nell’industria del petrolio e del gas) sono anche iniettate in profondità tra due strati geologici presumibilmente impermeabili (per evitare di inquinare le vicine falde d’acqua dolce). Questo permette sia di liberarsi dei rifiuti tossici che di estrarre più petrolio, gas naturale o condensato di gas naturale.
Questo tipo di pozzo d’iniezione include di solito un involucro stretto per non contaminare gli strati attraversati.

Rischi legati all’iniezione di acque reflue
Come esempio dai primi anni ’90, la contea di Maui, nelle Hawaii, ha scaricato da 3 a 5 milioni di galloni al giorno di acque reflue sotto l’impianto di trattamento delle acque di Lahaina, nonostante le prove di infiltrazioni che inquinano la falda acquifera e causano fioriture di alghe e altri danni ambientali. Dopo circa 20 anni di denunce e azioni legali da parte di ONG ambientaliste, e dopo molteplici studi, si è scoperto che più della metà delle iniezioni sono state trovate vicino alle acque costiere. Al processo, la corte ha respinto gli argomenti della contea, minacciandola di multe federali che potrebbero raggiungere i milioni di dollari. Nel 2001 un decreto di consenso ha richiesto alla contea di ottenere la certificazione della qualità dell’acqua (dal Dipartimento della Salute delle Hawaii), cosa che la contea non è riuscita a fare fino al 2010, spingendo la presentazione di una nuova denuncia.

Produzione di petrolio e gasModifica

Come le risorse di petrolio e gas facili da sviluppare scompaiono, i pozzi di iniezione di acqua, rifiuti, o gas naturale residuo e petrolio sono sempre più utilizzati per pressurizzare i serbatoi per spremere le ultime gocce di idrocarburi. L’iniezione può anche essere usata per fratturare il terreno sotto pressione molto alta, usando esplosivi, sabbia e prodotti chimici per aumentare un pozzo esaurito o per sfruttare il gas di scisto, il gas stratosferico e altre risorse…. I fluidi di fratturazione possono essere una fonte di inquinamento in pozzi mal sigillati. Il vapore acqueo, l’anidride carbonica e altre sostanze possono così essere iniettate in rocce serbatoio contenenti gas e/o petrolio (il calore riduce la viscosità degli idrocarburi pesanti, permettendo di aumentare la portata di un pozzo vicino),.

Aquifer rechargeEdit

Articolo dettagliato: aquifer recharge.

Sempre più acquiferi sono stati ampiamente sovrasfruttati, incoraggiando la sperimentazione della ricarica degli acquiferi per iniezione e percolazione; anche nella regione più secca del mondo, la MENA (Medio Oriente e Nord Africa).

Nelle regioni aride, il deflusso superficiale è stato a lungo recuperato e iniettato in pozzi asciutti, o in pozzi trasformati in cisterne.

I pozzi ibridi possono essere usati sia per prelevare acqua dalla falda che per ricaricare la falda contribuendo con l’acqua piovana.

GeothermalModify

Schema di un sistema geotermico, con pozzo di iniezione (punto 6,

Nei sistemi ad anello l’acqua calda di risalita viene privata di alcune delle sue calorie (da una pompa di calore o da un semplice scambiatore di calore) e viene reiniettata raffreddata nelle acque sotterranee dove è stata prelevata, attraverso un pozzo di reiniezione prima di essere recuperata riscaldata da un pozzo di recupero.

Articolo dettagliato: Centrale geotermica.

Bonifica dei suoli inquinati o delle vecchie discariche.Edit

Pozzi d’iniezione per la bonifica di terreni inquinati

Iniezione di batteri e nutrienti nel suolo, per la distruzione in situ degli inquinanti biodegradabili

I pozzi di iniezione sono anche utilizzati per la bonifica di siti e terreni inquinati, con l’obiettivo di ripulire il sottosuolo contaminato o le acque sotterranee contaminate. I pozzi di iniezione possono essere usati per inserire acqua pulita in una falda acquifera, per cambiare l’altezza, la direzione e la velocità del flusso, possibilmente in pozzi di estrazione dove l’acqua freatica contaminata può essere smaltita e/o trattata. Il pozzo d’iniezione può anche essere utilizzato per iniettare una molecola per tamponare un pH indesiderabile o un disinfettante o un ossidante (attraverso un sistema di ozonizzazione fluida per esempio, l’ozono uccide i microbi ma può anche degradare alcuni inquinanti organici indesiderati, compresi alcuni complessi idrocarburici, con un rapporto costo-efficacia a volte inferiore a quello di una decantazione con evacuazione e discarica o trattamento ex-situ del suolo inquinato, per esempio in un ambiente urbano dove lo scavo può essere impossibile o difficile a causa della presenza di edifici e molte infrastrutture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *