Rassegna generaleIstamina: il ruolo del mediatoreIl ruolo dell’istamina come mediatore

L’istamina è un mediatore essenziale nella fisiopatologia di molteplici patologie allergiche. È sintetizzato nelle cellule infiammatorie e immunocompetenti, nelle cellule parietali dello stomaco e nei neuroni (riserva labile). Viene rilasciata nella pelle, nell’intestino, nel fegato e nei bronchi durante il conflitto antigene-anticorpo o sotto l’effetto di farmaci (morfina), veleni, tossine, agenti endogeni (chinine), radiazioni, durante le ustioni o eventi infiammatori. L’istamina è un potente vasodilatatore, che aumenta anche la permeabilità capillare; provoca broncocostrizione, attiva le cellule infiammatorie, stimola le secrezioni gastriche e ha effetti inibitori o stimolanti sul sistema nervoso centrale o periferico. Le azioni biologiche dell’istamina risultano dall’attivazione di quattro tipi di recettori H1, H2, H3 e H4. I recettori H1 predominano nella muscolatura liscia (bronchiale, intestinale, ecc.), nelle fibre nervose e nelle cellule immunoinfiammatorie, i recettori H2 nello stomaco, nel cuore, i recettori H3 sulle fibre nervose centrali o periferiche e i recettori H4 sulle cellule immunoinfiammatorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *