Riconoscimento creativo nella vita quotidiana nelle PMI: come attrezzare i manager Riconoscimento creativo nella vita quotidiana nelle PMI

Le grandi aziende possono definire programmi o elementi di riconoscimento complessi, ma costosi. Alcuni sono a volte rinomati, come le diapositive e le sale di breakout di Google.

Al contrario, nelle PMI, le risorse sono limitate, compreso il fattore tempo. Come può la piccola impresa competere con le grandi su questo fronte? Dando latitudine e un piccolo budget al manager di primo livello e incoraggiandolo ad essere creativo nel riconoscimento dei dipendenti.

Il gesto giusto, al momento giusto, alla persona giusta

Quando si parla di riconoscimento, il primo commento è spesso: “Sappiamo che è importante, ma come lo facciamo?” Questa è l’arte del management: trovare il gesto giusto, che sia generale per mostrare apprezzamento per la squadra o personale per mantenere o aumentare la motivazione sul lavoro.

In fondo, il riconoscimento è una forma di comunicazione, un modo di mostrare considerazione per gli altri. Non si tratta solo di riconoscere azioni eccezionali o il raggiungimento di un obiettivo specifico, ma sottolinea l’importanza della persona e del suo lavoro per l’azienda, il team o il manager. Dovrebbe quindi includere il lavoro quotidiano così come gli eventi una tantum, i risultati così come gli sforzi. Mira a creare un legame emotivo tra il dipendente e la squadra o l’azienda. Un gesto di riconoscimento, per essere percepito positivamente dai dipendenti, deve essere sincero, giusto e adatto al contesto.
Per tutti questi motivi, i gesti di riconoscimento dovranno essere personalizzati, sia per chi li riceve che secondo il carattere di chi li offre.

Riconoscimento quotidiano

Per dare buoni risultati, il riconoscimento deve essere costante e vario, per soddisfare le esigenze individuali, adattarsi alle nuove situazioni ed evitare che l’effetto si smorzi nel tempo.

Nel quotidiano, può essere una sfida per il manager che non è abituato a fare queste cose, che può associare a una perdita di tempo o di energia. Alcuni manager dicono: “È pagato per lavorare, non ho intenzione di regalargli anche dei fiori! “Eppure il riconoscimento rappresenta un bisogno fondamentale dei dipendenti e coloro che ne sono più sprovvisti sono a volte proprio quelli che si rifiutano di darlo, una volta diventati manager.

I manager devono quindi trovare il loro modo personale di dare riconoscimenti e la direzione dovrebbe sostenere la diversità dei riconoscimenti, fornendo al contempo supporto, budget e formazione in materia, se necessario. La sfida sarà poi per il manager di prendere l’abitudine di dare un po’ ogni giorno.

Le insidie

Una ragione per cui il riconoscimento è così difficile da implementare in azienda è che può creare forti reazioni emotive, come gelosia, irritazione o paura. Quelli che non danno riconoscimenti hanno paura di fare una brutta figura con i loro dipendenti? Il presidente pensa che sia una perdita di tempo? Un manager si rifiuta perché “è già pagato bene per questo”, come abbiamo visto sopra? I dipendenti sono gelosi del loro collega premiato? Creare un clima che favorisca il riconoscimento richiede attenzione ai disincentivi, la cultura dell’organizzazione, prima di implementare pratiche che favoriscano il riconoscimento.

Si nota anche che i gesti automatici, come dare un orologio dopo dieci anni di servizio, sono meno efficaci, a causa della loro insincerità. La maggior parte perde la sua efficacia con il tempo, poiché gli esseri umani hanno bisogno di novità per prestarvi attenzione, a meno che non siano distillati in riconoscimenti informali quotidiani, servendo così a mantenere il legame emotivo. In breve, il riconoscimento informale giornaliero è meglio del riconoscimento formale mensile.

Riconoscimento creativo

Per quanto riguarda i gesti di riconoscimento, i manager dovranno mostrare un po’ di creatività e quindi dimostrare che si prendono la briga di inventare nuovi segni di apprezzamento. Alcuni segneranno i compleanni con umorismo, altri inventeranno un quiz per mostrare i meriti di un dipendente o di una squadra. Coloro che si sentono meno creativi trarranno beneficio dall’essere ispirati da ciò che fanno gli altri, compresa la ricerca su Internet, che è ricca in questo campo. Infatti, ecco alcuni esempi concreti e poco costosi:

  • iniziare qualsiasi riunione presentando il risultato di un dipendente;
  • includere alla fine dei documenti i nomi di tutti coloro che hanno contribuito;
  • inviare una mail ai manager chiedendo se hanno evidenziato il lavoro di almeno un dipendente questa settimana;
  • invitare un piccolo gruppo di dipendenti al ristorante ogni mese per interagire informalmente con i capi;
  • organizzare un’attività dove il capo deve servire i dipendenti (es. BBQ);
  • fare una divertente estrazione a premi tra tutti quelli che hanno infilato un’idea nella cassetta dei suggerimenti;
  • pagare ciambelle o pizza dopo gli straordinari, l’inventario o un progetto particolarmente impegnativo;
  • fornire ai dipendenti succhi di frutta, caffè e tè o snack, sia su una base ad hoc che continua.

Conclusione

In tutti i casi, come si comunica l’apprezzamento dell’azienda per i dipendenti sarà importante quanto il gesto stesso. Il ringraziamento sincero ed emotivo del capo alla sua squadra sarà altrettanto, se non più, motivante di un assegno in busta paga, perché tutti gli esseri umani bramano la considerazione e il riconoscimento degli altri.

Per andare oltre: Suggerimenti per ulteriori letture

  • Sul blog dell’autore troverete diversi esempi di gesti di riconoscimento
  • Un’eccellente panoramica di Jean-Pierre Brun, professore di management all’Università Laval, Quebec City, compreso un riferimento alle esigenze di riconoscimento dei dipendenti
  • Altri esempi di riconoscimento e la loro classificazione dalla cattedra di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro dell’Università Laval

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *