Scleroderma (Italiano)

Aggiornato il 19/11/2018

Definizione del termine Scleroderma:

La sclerodermia è una malattia autoimmune, rara, di origine sconosciuta, caratterizzata da un aumento del tessuto cellulare sottocutaneo e talvolta profondo.
In generale, l’evoluzione delle lesioni è graduale, con una fase infiammatoria, seguita da una fase di fibrosi e poi di atrofia delle lesioni.
La gravità della malattia varia secondo la localizzazione, cutanea o generalizzata, del tessuto colpito:
-> le forme cutanee localizzate hanno un danno principalmente estetico,
-> le forme generalizzate possono coinvolgere la prognosi vitale per il suo impatto sulle funzioni vascolare, polmonare, intestinale, cardiaca, renale…

Le manifestazioni classiche della sclerodermia sistemica sono:
-> un fenomeno di Raynaud,
-> una stanchezza con alterazione dello stato generale,
-> un’infiltrazione e indurazione della pelle che perde le sue rughe e pieghe, che può limitare la mobilità delle articolazioni (polsi, gomiti, spalle, torace),
-> disturbi della motilità esofagea con pirosi, epigastralgia da ernia iatale …
-> polmonare: malattia polmonare interstiziale, pleurite, ipertensione polmonare …
-> insufficienza renale cronica,
-> pericardite,
-> coinvolgimento articolare con gonfiore, rigidità e dolore articolare,
-> miosite, solitamente indolore con atrofia muscolare,
-> sindrome dell’occhio secco e bocca secca…

Cerca per lettera: A – Z Cerca per lettera: A – Z

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *