Senso al lavoro o senso proibito

Per costruire il senso, ognuno di noi deve quindi essere in grado di impiegare il suo pensiero. E non solo in modo logico, ma anche in modo sensibile, collegando desideri, rappresentazioni, affetti, ricordi… Così, il significato sul lavoro ha realmente origine nell’esperienza di un individuo o di un collettivo: è impossibile prescriverlo imponendolo dall’esterno.

Naturalmente, parte del processo di costruzione del significato sul lavoro sta nelle condizioni e nell’organizzazione del lavoro. Ma se le organizzazioni vogliono occuparsi di questo tema, e soprattutto perché sperano di aumentare l’impegno degli individui, dovranno soprattutto restare vigili nel permettere a ciascuno la libertà e gli spazi che gli permettono di costruire e determinare il significato che danno al loro lavoro.

Dobbiamo ammettere che questi spazi esistono molto poco.

Quindi, piuttosto che cercare di determinare il significato sul lavoro in modo generale, lavoriamo per creare questi spazi e con essi le condizioni che permettono ad ogni persona di trovare un significato nel lavoro che fa.

Una nuova dimensione della leadership per una performance più equilibrata e sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *