SMU Mustangs (Italiano)


StoriaModifica

Scandalo SMU MustangsUModificatore

Il programma di football americano SMU Mustangs fu al centro di uno scandalo in seguito a massicce e ripetute violazioni delle regole NCAA dalla fine degli anni ’70 alla metà degli anni ’80. L’università aveva costruito un forte programma di football americano attraverso un sistema di fondi neri, che pagava i giocatori e le loro famiglie. I pagamenti erano destinati a invogliare gli atleti a giocare per i colori Mustangs, che è severamente vietato dalla NCAA.

La pena dei Mustangs è la pena di morte, che è coerente con le sanzioni più severe nella storia della NCAA.

Il programma fu bandito dalla lega per tutta la stagione 1987, con la conseguente cancellazione di un’intera stagione sportiva. SMU fu anche bandita dal reclutamento (borse di studio atletiche), e inoltre ebbe un divieto di giocare a bocce fino alla stagione 1989. Nella stagione 1988, ancora sotto sanzioni, al programma non fu permesso di giocare nessuna partita in casa. Alla fine, l’università rinunciò a giocare qualsiasi partita, comprese quelle in trasferta, perché non era in grado di mettere in campo una squadra valida. Infatti, la cancellazione della stagione precedente ha causato un esodo massiccio di giocatori Mustangs verso altre università. L’accumulo di sanzioni finì per “uccidere” il programma. Questa vicenda ha macchiato profondamente l’immagine della SMU. I Mustangs non avrebbero giocato di nuovo in una ciotola fino al 2009.

Questo scandalo è stato il soggetto di un episodio della serie di documentari prodotta da ESPN 30 for 30 nel 2010, intitolato Pony Excess.

Heisman TrophyEditore

Doak Walker fu onorato con un Heisman Trophy nel 1948.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *