Straordinari: come si applica l’esenzione dai contributi dei dipendenti?

05/04/2019

Le ore straordinarie e complementari lavorate dal 1° gennaio sono esenti da imposte ed esenti dai contributi sociali di base e complementari dell’assicurazione vecchiaia dei dipendenti.

Aggiungi ai preferiti

Questo contenuto è stato aggiunto ai tuoi preferiti nel tuo account

Visualizza i miei preferiti

Per aggiungere questo contenuto ai tuoi preferiti devi essere loggato

Accedi

Per aggiungere questo contenuto a i tuoi preferiti devi essere iscritto

Iscriviti

4mn tempo di lettura

Non tutte le ore straordinarie e complementari sono ammissibili per l’esenzione dai contributi dei dipendenti per l’assicurazione vecchiaia. Non tutte le ore straordinarie e complementari sono ammissibili per l’esenzione dai contributi di assicurazione vecchiaia dei dipendenti.

Dal 1° gennaio, le ore straordinarie e complementari (quelle lavorate dai dipendenti a tempo parziale oltre l’orario di lavoro stabilito nel loro contratto di lavoro) sono esenti da imposte, fino a un limite di 5.000 euro all’anno per dipendente, ed esenti dai contributi di base e complementari dell’assicurazione vecchiaia dei dipendenti fino a un limite dell’11,31% della paga lorda.

La direzione della sicurezza sociale ha appena fornito dettagli sui termini e le condizioni di applicazione dell’esenzione in un’istruzione interministeriale pubblicata online il 4 aprile.

Chi è interessato?

L’esenzione fiscale e l’esenzione dai contributi di assicurazione vecchiaia per le ore straordinarie e complementari riguardano sia i dipendenti del settore privato che gli agenti dei tre servizi pubblici (statale, territoriale, ospedaliero).

Quali ore di lavoro straordinario sono ammissibili per l’esenzione?

L’esenzione dai contributi dell’assicurazione vecchiaia riguarda:

  • Le ore di lavoro straordinario effettuate oltre l’orario di lavoro legale, cioè 35 ore settimanali, o il tempo equivalente in certe professioni;
  • Le ore di lavoro straordinario cosiddette “strutturali”, cioè le ore di lavoro straordinario risultanti da un orario collettivo superiore a quello legale o da un accordo individuale su un numero fisso di ore settimanali (pacchetto settimanale, mensile o annuale). In caso di assenza del dipendente che dà luogo al mantenimento della retribuzione, le ore straordinarie sono considerate come lavorate e sono esentate;
  • le ore straordinarie incluse in un accordo di orario fisso (oltre 151,67 ore se il pacchetto è mensile e oltre 1.607 ore se il pacchetto è annuale);
  • le ore straordinarie lavorate nell’ambito di un regime di organizzazione dell’orario di lavoro ;
  • le ore di lavoro straordinario effettuate nell’ambito di un accordo a ore fisse, sia che si tratti di ore incluse nel pacchetto o di ore lavorate oltre;
  • i giorni lavorati oltre i 218 giorni dai dipendenti che hanno concluso un accordo a giorni fissi nel corso dell’anno;
  • le ore straordinarie lavorate dai dipendenti il cui orario di lavoro non è regolato dalle disposizioni di diritto comune del Codice del Lavoro ma da altre disposizioni legali (lavoratori a domicilio, dipendenti di datori di lavoro privati, ecc.)

Per le ore straordinarie e complementari che danno luogo sia a una maggiorazione di salario che alla presa di un riposo compensativo in sostituzione, l’esenzione si applica solo alla parte dell’ora compensata dalla maggiorazione di salario. Il fatto che la compensazione in riposo sia messa su un conto di risparmio a tempo (CET), e poi monetizzata in seguito, non permette a questa monetizzazione di beneficiare dell’esenzione.

Gli straordinari pagati nell’ambito dei “solleciti di pagamento” all’inizio del 2019 non sono esenti dai contributi sociali dei dipendenti per l’assicurazione vecchiaia.

> DA LEGGERE: Straordinari: quanto porterà l’esenzione fiscale e contributiva?

Quali ore di lavoro straordinario possono beneficiare dell’esenzione?

L’esenzione dai contributi di vecchiaia riguarda le ore di lavoro straordinario dei dipendenti part-time.

D’altra parte, un dipendente a tempo parziale che lavora ore “supplementari” definite da una clausola aggiuntiva al contratto di lavoro non avrà diritto all’esenzione dai contributi di assicurazione vecchiaia. Le ore “complementari” non costituiscono ore aggiuntive.

Allo stesso modo, le ore lavorate in regime di part-time modulato non possono beneficiare dell’esenzione.

E i bonus?

Un bonus il cui importo è basato sul tempo di lavoro del dipendente non può beneficiare dell’esenzione.

Qual è l’aliquota di esenzione da applicare?

L’aliquota è pari alla somma delle aliquote di ciascuno dei contributi di vecchiaia dovuti dal dipendente, nel limite dell’11,31% (7,3% per l’assicurazione di vecchiaia di base e 4,01% per i contributi di vecchiaia complementari), in caso di retribuzione inferiore al massimale della sicurezza sociale, cioè 3.377 euro al mese nel 2019.

Per i dipendenti la cui retribuzione supera il massimale della previdenza sociale, il tasso di riduzione è limitato all’11,31%. Hanno quindi diritto solo a una riduzione parziale dei contributi dell’assicurazione di base e complementare per la vecchiaia.

La deduzione del CSG e del CRDS sugli straordinari è mantenuta.

A quali contributi si applica la riduzione?

La riduzione si applica solo ai contributi dei dipendenti dell’assicurazione di base per la vecchiaia, sia che siano dovuti per la paga straordinaria o per la paga regolare.

– Integrare il tuo reddito legalmente

– Straordinari: controlla che siano registrati sulla busta paga

– Idee per arrotondare il mese

Leggi anche

  • Dichiarazione dei redditi 2018: cosa fare se lo stipendio o la pensione non sono precompilati?
  • Prelievo forfettario sui redditi da capitale: come si applica?
  • Sicurezza sociale per i lavoratori autonomi: come rivolgersi a un mediatore?
  • Tasse: i vostri passi da fare in aprile
  • Tasse: Bercy considera l’esenzione dei dipendenti a domicilio nel 2019
  • Aiuto domestico: Parigi offre un comparatore online

Condividi questo articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *