Syndicat des biologistes (Italiano)


Annunci ingannevoli

Le procedure di biologia medica sono procedure rimborsate dalla previdenza sociale, dalla solidarietà nazionale o dall’assistenza sanitaria complementare, sulle quali le spese residue di tasca propria sono basse, o addirittura nulle. Questo risparmio sul costo delle analisi, che l’SDB contesta, non si concretizzerà quindi in potere d’acquisto per i francesi, ma in risparmi di rimborso per la sicurezza sociale. Ora, perché il primo ministro sta ancora attaccando una professione che ha fatto ogni sforzo per controllare le spese negli ultimi anni:

  • Si è ristrutturata a ritmo serrato, passando da 3.900 aziende quasi 10 anni fa a meno di 450 SEL nel 2019;

  • È l’unica ad essere entrata in una logica di accreditamento;

  • Ha accettato un sistema di prezzo-volume regolamentato che ha generato più di 1 miliardo di risparmi, rispetto alla naturale crescita delle spese.

Biologia medica: una disciplina più medica che tecnica

Mentre la biologia medica si basa su piattaforme tecniche ad alta tecnologia, è prima di tutto una specialità medica a sé stante, pienamente integrata ed essenziale nel percorso di cura del paziente. È praticata da professionisti, medici e farmacisti specializzati, di alto livello medico, che hanno la piena responsabilità medica e legale dei risultati degli esami che consegnano e che sono utilizzati dai medici in quasi il 70% delle loro diagnosi mediche.

Serie conseguenze per i pazienti

Queste misure creeranno le condizioni per la costituzione di gruppi monopolistici nella biologia medica, con le conseguenze non solo della fine della pratica liberale e dell’indipendenza della professione, ma soprattutto la drastica riduzione dell’offerta di cure sul territorio, indebolendo ulteriormente i francesi più deboli. Questo anche senza contare gli effetti deleteri sul sistema sanitario francese e la sua specificità (presenza di medici biologi e farmacisti su tutto il territorio), una risorsa considerevole oggi, per prendere la piega della prevenzione e della medicina individualizzata, un fattore di economia per la comunità.

L’SDB ha immediatamente scritto al primo ministro per chiedere un appuntamento e per spiegare come sia legittimo che la biologia medica sia inquadrata da esigenze mediche e non commerciali. L’SDB chiede il sostegno di Agnès Buzyn in questa lotta per una biologia medica locale, di qualità e rilevante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *