Volkswagen Caddy test drive: ilutility che gioca la carta del moderno

VW ha tirato fuori tutte le fermate per portare il suo modello alla ribalta… e si vede. Infatti, è impossibile confondere questo Caddy con qualsiasi altro modello del segmento, poiché mostra la propria personalità.

VW Caddy
VW Caddy – DR

Questa stessa modernità si nota aprendo la porta, dove il cruscotto è modellato su quello dell’ultima Golf. Si caratterizza per il suo grande schermo centrale di 6,5, 8,25 o anche 10” (secondo la versione), attraverso il quale si controlla un sistema multimediale che può essere particolarmente ricco. Di fronte, il conducente può optare per un Digital Cockpit con uno schermo da 10,25 pollici che permette di personalizzare la visualizzazione delle informazioni di guida, multimedia e navigazione. E l’attrezzatura segue la stessa tendenza con tutto il necessario in termini di sicurezza (assistenza alla frenata di emergenza, monitoraggio dell’angolo cieco…) e soprattutto un Trailer Assist, che stabilizza il rimorchio e facilita notevolmente le manovre.

VW Caddy
VW Caddy – DR

VW ha ovviamente prestato particolare attenzione alla praticità: il Caddy può essere dotato di 2 porte laterali scorrevoli (elettriche in opzione), che permettono di caricare un europallet nel caso della versione Van. Due lunghezze di passo sono ancora disponibili, in numerose varianti di carrozzeria: ludospace, combi, doppia cabina, casa mobile (con angolo cottura integrato) e, naturalmente, furgone.

VW Caddy
VW Caddy – DR

Nuovi orizzonti

Saggio telaio, il Caddy rimane stranamente fedele al suo asse posteriore rigido, anche se è basato sulla nuova piattaforma MQB del gruppo VW (quella della Golf). Tuttavia, lo smorzamento è ora fatto da molle elicoidali, che sono molto meno rimbalzanti che in passato. Tuttavia, il comfort rimane molto “germanico”, molto più solido della concorrenza. Questo ha il vantaggio di contribuire alla sensazione di precisione nell’esperienza di guida e di limitare la quantità di rollio del corpo. Ma dovrete andarci piano sulle strade accidentate per preservare i vostri lombari e il vostro carico.

VW Caddy
VW Caddy – DR

Questo non impedisce che il Caddy sia un vero piacere da guidare, in particolare attraverso la sua posizione di guida, che è molto vicino a quello di un’auto tradizionale, ma anche attraverso la risposta del motore diesel testato, il 2.0l TDI, accoppiato con un cambio manuale a sei velocità (un DSG automatico è anche disponibile come opzione). Tuttavia, è meglio non seguire troppo da vicino l’indicatore di cambio marcia, perché si corre il rischio di andare quasi sistematicamente in sottogamma. Questa combinazione è attualmente la metà della gamma, tra le versioni da 75 e 122 CV dello stesso motore. Tra qualche settimana arriveranno i motori a benzina (1.5l TSI 114 CV) e le varianti a trazione integrale 4Motion. Saranno seguiti da motori ibridi e a gas naturale nel 2022.

Il VW Caddy 1St Edition TDI 100 in poche cifre

  • Motore: 4 cilindri turbo diesel, 1.968 cc; 102hp; 280Nm.
  • Trasmissione: alle ruote anteriori.
  • Cambio: manuale a 6 velocità.
  • L/l/h (mm): 5.539/1.875/1.822
  • Peso a vuoto (kg): 1.546
  • Carico (kg): 744
  • Capacità serbatoio (l): 50
  • Da 0 a 100 km/h (sec.): 12,6
  • Velocità massima (km/h): 173
  • Consumo. Combinato (l/100km): 4,5
  • CO2 (g/km): 119
  • Prezzo (€): 28.600

Stéphane Lémeret per 20 minuti

  • Auto
  • Automobile
  • Diesel
  • Famiglia
  • Volkswagen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *