Yamaha XSR 900: neo-divertimento

Dopo l’eccellente XSR 700, era prevedibile che la gamma Faster Son di Yamaha si sarebbe arricchita con la XSR 900. Una notizia attesa, quindi, ma comunque molto buona: passata per le mani di Yard Built, la MT-09 diventa più rock ‘n roll. Con questa, diciamo, visione da café-racer, Yamaha si prende la libertà di espandere la sua cosiddetta linea neo-classica, offrendo macchine moderne che si rifanno legittimamente al glorioso passato del produttore. Questa XSR 900 è quindi offerta in un deco giallo e nero in stile Kenny Roberts del 60° anniversario, che ci piace tanto.

2016_YAM_XS850_EU_LRYS1-60_STA_005

A proposito delle modifiche estetiche alla MT, chiudiamo rapidamente il dibattito: penso che la XSR sia molto più bella della MT, ma questo sono davvero solo io. L’ergonomia è molto bella, più che sulla MT09 credo. Il sedile è più alto, il che mi permette di mettere le mie grandi gambe in una posizione migliore, e il sedile posteriore offre una posizione fresca e più naturale. Almeno per quelli oltre il 1,10″: io ero 1,10″ da giovane.

2016_YAM_XS850_EU_NBM4_STU_002_03

Ma parliamo ora di “funitude”, visto che Yamaha ci aveva portato alle Canarie per quello. Beh, era da molto tempo che non mi divertivo così tanto con una moto. Il suono caratteristico del motore a tre cilindri è molto piacevole: scoppietta violentemente e ti fa venire voglia di fare lo scemo. Sulle belle strade di montagna che abbiamo percorso, abbiamo strizzato il manubrio, sempre nella giusta direzione. Questa moto chiassosa è un forte incentivo a remare. Nonostante le cifre molto ragionevoli (115 CV a 10.000 giri/min), il motore è dimostrativo e spinge nervosamente senza mancare di coppia, al contrario. I suoi giri sono anche molto piacevoli e non si esita a farla girare ancora di più. Qualche problema di fiducia eccessiva mi ha costretto a usare i freni più del solito. I freni sono una bella sorpresa, potenti e facili da controllare. Tuttavia, posso immaginare che il suo attacco un po’ troppo franco potrebbe essere difficile in altre circostanze. In città sotto la pioggia, per esempio. Coloro che sono abituati alla loro vecchia batteria Laverda dovranno concedersi un periodo di adattamento. D’altra parte, l’ABS funziona molto bene. Il telaio e le sospensioni sono molto ben tarati e la moto permette di improvvisare senza perdere stabilità. È molto vivace e leggera, ma la ruota anteriore si scarica facilmente e questo non è dovuto solo al motore. Che piacere uscire da una curva con la ruota a pochi centimetri da terra senza sentirsi fuori dagli stivali.

_62P6016

Yamaha XSR 900: motore a 3 cilindri, raffreddato a liquido, doppia camma in testa, 12 valvole. 847cc. 115 CV a 10.000 giri, 195 kg a pieno carico, 9.699 (£300 in più per il giallo)

http://www.yamaha-motor.eu/fr

YAMAHA_XSR900_Landscape-27YAMAHA_XSR900-348

2015_YAM_YBFASTERWASP_EU_CUSTOM_STA_001

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *